menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donna mette in fuga un rapinatore armato: i carabinieri lo arrestano

In carcere un 41enne per una tentata rapina avvenuta ieri all'esterno del centro commerciale Conforama di Fasano, dove il malfattore ha tentato di fermare una dipendente dell'ipermercato alla guida della sua auto

FASANO – Ha tentato di rapinare una dipendente del centro commerciale Conforama di Fasano, mentre questa si recava a lavoro. Ma la reazione della vittima e il tempestivo intervento dei carabinieri si sono rivelati fatali per il 41enne Patrizio Tetesi, di San Michele Salentino, già noto alle forze dell'ordinde per reati contro la persona e concernenti la disciplina sulle armi. L’uomo, trovato in possesso di una pistola giocattolo, è stato arrestato per tentata rapina e lesioni personali. 

I fatti sono accaduti ieri (4 agosto). Tetesi si è appostato nei pressi dell’ipermercato all’orario di apertura. Intorno alle ore 8,30 ha tentato di bloccare una giovane donna alla guidaPatrizio Tetesi-2 della sua auto, intimandole di consegnargli la borsa. Ma la malcapitata, superato lo shock iniziale, ha reagito, chiedendo immediatamente l’intervento dei carabinieri attraverso il 112.

A quel punto Tetesi si è dato alla fuga. Una pattuglia di carabinieri della locale compagnia che proprio in quella zona stava effettuando un servizio di controllo del territorio, però, si era già messa alla ricerca del malfattore. Grazie alla descrizione fornita dalla vittima, i militari nel giro di pichi minuti hanno individuato e ammanettato Tetesi.

Nel corso della perquisizione personale, il 41enne è stato trovato in possesso di un’arma giocattolo priva di tappo rosso e riproducente fedelmente nei minimi dettagli le armi in dotazione alle forze di polizia, nonché di collant chiaramente da utilizzare per nascondere il viso.

L’uomo, quindi, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, è stato condotto presso la casa circondariale situata in via Appia, nel capoluogo. La donna è stata costretta a ricorrere alle cure de sanitari, che le hanno poi diagnosticato uno stato di agitazione reattivo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento