Cronaca

Hascisc nascosto nello stipite di una porta: nuovo arresto per un brindisino

Aveva nascosto la droga in un vano ricavato nello stipite di una porta. Ma questo escamotage non ha ingannato i carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi diretti dal tenente Luca Colombari e coordinati dal capitano Luca Morrone. Il 44enne Claudio Calò, di Brindisi, è stato sorpreso con 27 grammi di hascisc

BRINDISI – Aveva nascosto la droga in un vano ricavato nello stipite di una porta. Ma questo escamotage non ha ingannato i carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi diretti dal tenente Luca Colombari e coordinati dal capitano Luca Morrone. Il 44enne Claudio Calò, di Brindisi, è stato sorpreso con 27 grammi di hascisc.

I militari si sono presentati pressa la sua abitazione, dove il brindisino si trovava già recluso in regime di domiciliari, nella tarda serata di ieri (3 febbraio). Le forze dell’ordine sospettavano che Calò avesse a che fare con il mondo della droga. E in effetti i loro sospetti si sono rivelati fondati quando si sono imbattuti in quello spazio ricavato nella porta in cui era stata nascosta la sostanza stupefacente, già suddivisa in dosi.

Non solo. Le forze dell’ordine hanno trovato anche 230 euro in banconote, ritenute provento di spaccio, e un bilancino di precisione. Calò quindi è stato condotto in caserma. Da lì, una volta espletate le formalità di rito, è stato riaccompagnato a casa, sempre in regime di domiciliari. 

Un sequestro di droga è stato effettuato anche a Latiano, dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato il 53enne Antonio Gallone. L’uomo è stato trovato con 5 grammi di hascisc nel  corso di una perquisizione personale. Anche nei suoi confronti è stato disposto l’arresto in regime di domiciliari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hascisc nascosto nello stipite di una porta: nuovo arresto per un brindisino

BrindisiReport è in caricamento