Cronaca Francavilla Fontana

Maxi furto di abiti: incastrati dalle impronte lasciate su un furgoncino

Sono stati arrestati due francavillesi, Mimmo Fanelli, 21 anni, e Cosimo Pentassuglia, 35 anni, che il 18 maggio 2016 rubarono 150 capi d'abbigliamento da un furgone. Emessa a loro carico un'ordinanza di custodia cautelare

FRANCAVILLA FONTANA – Sono stati individuati e arrestati grazie alla impronte digitali i presunti autori di un maxi furti di capi d’abbigliamento perpetrato il 18 maggio 2016 ai danni di un commerciante ambulante. Si tratta dei francavillesi Mimmo Fanelli, 21 anni, e Cosimo Pentassuglia, 35 anni.

I due sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare (in carcere per Pentassuglia, ai domiciliari per Fanelli) emessa dal gip del tribunale di Brindisi, su richiesta della locale procura, a seguito di un’attività investigativa condotta dai carabinieri del Norm della compagnia di Francavilla Fontana al comando del capitano Nicola Maggio e del tenente Roberto Rampino. Furono proprio i limitari del Norm a rilevare le impronte durante il soprralluogo effettuato dopo il furto. 

Da quanto emerso nel corso delle indagini, i due amici, la notte del 18 maggio scorso, forzarono il portellone posteriore di un furgone di proprietà di un commerciante ambulante riuscendo a rubare oltre 150 capi di abbigliamento da donna. Ma durante il furto lasciarono le proprie impronte sul mezzo: un errore fatale, visto che entrambi erano già schedati in banca dati per dei reati contro commessi nel 2016. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi furto di abiti: incastrati dalle impronte lasciate su un furgoncino

BrindisiReport è in caricamento