menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladro seriale incastrato dal test del Dna e dai frame delle videocamere

Secondo le indagini, e le accuse, il 27enne Lucio Siena di Francavilla Fontana è un ladro seriale, incastrato dalle indagini dei carabinieri della stazione e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia cittadina, e dal test del Dna

FRANCAVILLA FONTANA – Secondo le indagini, e le accuse, il 27enne Lucio Siena di Francavilla Fontana è un ladro seriale. Su indagini dei carabinieri della stazione e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia cittadina, che su sono avvalsi anche del test sul Dna e delle registrazioni degli impianti di video sorveglianza, e che sabato lo hanno arrestato per l’ennesima volta, è stato possibile ricostruire una serie di furti avvenuti nei periodi tra un arresto o e l’altro di Siena per altri episodi, avvenuti tutti a Francavilla.

Le nuove circostanze di reato attribuite a Lucio Siena e a complici non identificati con certezza partono dal luglio 2015. E più precisamente il 27 luglio del 2015, all’interno di un bar di via Di Vagno; il 10 gennaio 2016 all’interno di un negozio di elettrodomestici di via Baracca, dove erano stati rubati 400 euro; il 23 luglio 2016, presso l’ospedale Camberlingo all’interno del Centro unico prenotazioni.

Nel primo caso, spiegano i carabinieri, ignoti avevano forzato la serranda esterna  del bar e sfondato la vetrata d’ingresso, impossessandosi del contenuto del registratore di cassa, quasi 1.000 euro. I militari dell’Arma intervenuti sul posto avevano però trovato tracce di sangue sulla vetrata infranta dall’autore del furto per entrare dentro il bar.

Lucio SienaQueste tracce ematiche sono state messe a confronto con quelle che gli stessi investigatori avevano poi repertato presso l’ospedale del posto, dove Siena nella mattinata successiva al furto si era fatto medicare una ferita alla mano. Le indagini sono proseguite nel tempo accertando, grazie alla minuziosa analisi delle immagini raccolte sul luogo dei reati, che Luigi Siena e altri soggetti non identificati, era l’autore dei furti.

L’arresto di Siena è avvenuto in seguito all’emissione di una ordinanza che applica la  misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Brindisi su richiesta del pm titolare delle indagini, il quale ha concordato con le risultanze investigative raccolte dai carabinieri.

Gli altri episodi per i quali Siena, dal 2015 in poi, era stato invece già individuato come responsabile e quindi arrestato, e che si incastrano con i fatti ipotizzati nell’ordinanza notificata sabato. Il 4 marzo del 2014 era stato arrestato sempre dai carabinieri, grazie alla tempestiva segnalazione di alcuni cittadini che abitavano nella zona, poco dopo il furto in una merceria, compiuto infrangendo la vetrata di ingresso.

Il 13 gennaio 2015 Luigi Siena aveva ricevuto un’ordinanza di custodia cautelare per uno scippo compiuto il 10 settembre del 2014 ai danni di due pensionate 80enni in una strada di Francavilla Fontana, alle quali aveva strappato le catenine d’oro dal collo. Infine, più recentemente, l’arresto in flagranza di reato dopo un breve inseguimento da parte dei carabinieri, subito dopo un furto di bottiglie di liquore compiuto all’1 del mattino del 30 luglio scorso nel ristorante “La dolce vita”, sempre a Francavilla Fontana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento