menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corriere fermato sulla superstrada per Lecce con 25 chili di marijuana

Il 26enne Massimo Guido è stato fermato nella serata di mercoledì dalla guardia di finanza, nei pressi di San Pietro Vernotico, mentre si trovava alla guida di una Fiat Punto furgonata

SAN PIETRO VERNOTICO – Un nuovo sequestro di marijuana, dopo i due della scorsa settimana, è stato effettuato dalla guardia di finanza sulla superstrada. Stavolta, a differenza dei primi due casi, non sulla 379 per Bari, ma sulla strada statale 613 che collega Brindisi a Lecce. Il 26enne Massimo Guido, di Lecce, è stato fermato nei pressi di San Pietro Vernotico, mentre si trovava alla guida di una Fiat Punto furgonata al cui interno sono stati trovati 25 chilogrammi di marijuana.

A intercettare il ragazzo sono state le unità specializzate del Gruppo operativo antidroga del comando Massimo Guido-2provinciale di Leccce. Una pattuglia delle Fiamme gialle impegnata in un servizio di contrasto e prevenzione dei traffici di droga ha intimato l’alt al salentino intorno alle ore 21,30 di ieri (25 ottobre), facendolo accostare presso una piazzolla di sosta.  Una volta appurato che il giovane era sprovvisto di documenti di riconoscimento, i finanzieri hanno perquisito dell’autovettura rinvenendo, nel vano  posteriore, un voluminoso involucro confezionato con nastro da imballaggio e cellophane contenente i 25 chili di marijuana, del valore pari a circa 40mila euro.

La sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro insieme all’auto utilizzata per il trasporto ed ad un telefono cellulare rinvenuti nel corso dell’ispezione. Il corriere è stato arrestato e su di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi è stato accompagnato presso la casa circondariale in via Appia.

Analogo destino, come accennato, era toccato la scorsa settimana a un giovane residente a Roma e a un albanese che nel corso di due diverse operazioni vennero intercettati sulla superstrada Brindisi-Bari. Il primo nei pressi di Serranova. Il secondo all’altezza di località Torre Testa. Entrambi viaggiavano alla guida di veicoli carichi di marijuana presumibilmente trasportata sulle coste salentine dagli scafisti che imperversano nel Canale d’Otranto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Cronaca

    Amore non corrisposto: donna irrompe in banca con un coltello

  • Emergenza Covid-19

    Alleviare ansia e paura: le dolci note del violino nell' hub vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento