Dosi di coca dietro al frigo e nelle tasche del giubbino: due arresti

Una 55enne di Brindisi nascondeva in casa 3,5 grammi di droga. Un 35enne di San Donaci sorpreso con oltre 8 grammi di sostanza stupefacente

foto di repertorio

Due arresti per spaccio di cocaina sono stati effettuati dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi. 

 A San Donaci, un 35enne, sottoposto a un controllo, è stato sorpreso con sei dosi di polvere bianca, per un peso complessivo di 3,5 grammi, nascoste in una apposita apertura nel tessuto del giubbotto. Successivamente i militari hanno perquisito anche l’abitazione del 35enne, recuperando altre 16 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 5,5 grammi, oltre a materiale per il confezionamento. L’uomo è stato arrestato in regime di domiciliari per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Stesso reato è stato contestato anche a una 55enne di Brindisi che nel corso di una perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di sei dosi di cocaina, per un peso complessivo di 3,5 grammi, nascoste dietro al frigorifero della cucina. L’uomo, come disposto dall’autorità giudiziaria, è stato rilasciato subito dopo l’arresto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento