Accoltellamento dopo una lite: un uomo dai domiciliari al carcere

I carabinieri notificano un'ordinanza di custodia cautelare a carico del 32enne Marco Pesce, di Mesagne, accusato di tentato omicidio

MESAGNE – Si aprono le porte della casa circondariale di Brindisi per un 32enne di Mesagne, Marco Andrea Pesce, già ristretto ai domiciliari per l’accoltellamento, dopo una lite, di un 25enne avvenuto il 24 febbraio 2019 a Mesagne, per il quale gli fu contestato il reato di tentato omicidio.

PESCE MARCO ANDREA-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’Appello di Lecce, a seguito di una serie di violazioni alle prescrizione impostegli, documentate dai carabinieri della stazione di Mesagne. Gli stessi militari si sono recati presso la sua abitazione per notificargli il provvedimento restrittivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento