menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Servizio anticrimine a Ceglie e Carovigno: un arresto e tre denunce

Violazioni degli obblighi, detenzione di stupefacenti e sfruttamento del lavoro

Una persona è stata arrestata e tre sono state denunciate a piede libero nel corso di un servizio di prevenzione repressione reati condotto dai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni a Ceglie Messapica e Carovigno, assieme ai militari delle stazioni delle due città interessate. A Carovigno, inoltre, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un involucro contenente 184 grammi di marijuana nascosto sotto una panchina, nei pressi delle case popolari. 

A Ceglie Messapica, i carabinieri hanno arrestato Martino Barba di 48 anni, al quale è stato revocato il beneficio degli arresti domiciliari. Barba era stato in precedenza sorpreso in compagnia di persone con precedenti di polizia, mentre era invece tenuto ad avere contatti solo con i propri familiari. Pertanto è stata disposta la prosecuzione della custodia cautelare in carcere.

A Carovigno invece i carabinieri hanno denunciato due persone che avevano arruolato illegalmente tre immigrati africani ospiti di uno Sprar della zona, per svolgere lavori di tinteggiatura e pulizia all'interno di un cantiere, commettendo il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, approfittando dello stato di bisogno dei soggetti impiegati e retribuendoli con somme esigue. 

Sempre a Carovigno dove, come a Ceglie Messapica, sono state eseguiti numerosi controlli stradali, su persone sottoposte a misure di prevenzione, e perquisizioni domiciliari, i militari hanno denunciato anche un ragazzo di 18 anni che aveva in tasca 17 grammi di hascisc. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento