menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marijuana: un arresto a San Vito e una denuncia a Brindisi

In entrambi i casi i carabinieri hanno trovato piantine di Cannabis in fase di crescita, nel primo anche roba pronta

Arresti domiciliari per un uomo di 46 anni di San Vito dei Normanni, Antonio Colucci, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto, d’intesa con il pm di turno, è scattato al termine di una perquisizione domiciliare nel corso della quale i carabinieri della stazione di San Vito hanno sequestraton 185 grammi di marijuana, 12 grammi di hashish, e 99 piantine di Cannabis indica.

Sostanza stupefacente sequestrata dai CC di San Vito dei Normanni-2

Per la crescita delle piantine di marijuana, nell’abitazione perquisita era stata allestita una piccola serra artigianale, con sistemi di illuminazione e regolazione della temperatura. Ad eccezione di due piante di Cannabis più sviluppate, tutte le altre erano ancora allo stato inziale della crescita. Le infiorescenze di marijuana invece erano riposte in due vasi di vetro.

È stato invece solo denunciato a piede libero per lo stesso reato un 37eenne di Brindisi, in seguito ad analoga perquisizione effettuata a suo carico dai carabinieri del Norm della compagnia del capoluogo. L’uomo è stato trovato in possesso di due piantine di Cannabis indica dell’altezza di circa 25 centimetri, poste in due vasi sul balcone del soggiorno. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, ancora alto il numero dei decessi in Puglia: sono 31

  • Emergenza Covid-19

    Scuola, nuova ordinanza di Emiliano: tutte le misure previste

  • Politica

    "Nubi sul bilancio, il Consorzio Asi va commissariato"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento