Un arresto, un divieto di avvicinamento e una denuncia per reati vari

Indebito utilizzo di carte di credito, atti persecutori e reiterazione nella guida senza patente. Nei guai un 55enne, una 48enne e un 42enne

Indebito utilizzo di carte di credito, atti persecutori e reiterazione nella guida senza patente. Nei guai un 55enne, una 48enne e un 42enne.

Del reato di “indebito utilizzo di carte di credito” si è reso responsabile un 55enne di Carovigno, Massimo Maio: è stato  raggiunto da un’ordinanza di espiazione di pena. Deve scontare 8 mesi e 11 giorni di reclusione, il reato di cui è accusato è stato commesso nel 2005 a Pisa. Il 55enne, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Divieto di avvicinamento per atti persecutori, invece, per una 48enne di Francavilla Fontana: da febbraio 2015 a settembre 2019 ha molestato, minacciato e insultato due condomini.  

I carabinieri della stazione di Francavilla Fontana, infine, hanno denunciato un 42enne del luogo per reiterazione nella guida senza patente. In particolare, l’uomo, è stato sorpreso alla guida del suo moto Ape, sprovvisto della patente di guida, mai conseguita, reiterando nel biennio analoga violazione. Il mezzo è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento