Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Evade due volte dai domiciliari in poche ore, e finisce in carcere

I carabinieri arrestano in sequenza un 24enne, e denunciano anche un congiunto privo di patente

CEGLIE MESSAPICA – Lascia due volte senza autorizzazione gli arresti domiciliari, e alla fine il magistrato ne dispone il trasferimento in carcere. La persona in questione è Giovanni Alessandro Gioia di 24 anni di Ceglie Messapica, arrestato un paio di anni fa per la detenzione di modifiche quantità di stupefacenti. Nel corso di un controllo, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni hanno riscontrato l’assenza del giovane, che è poi rientrato a casa all’alba, a bordo di un’auto condotta da un congiunto di 23 anni e individuata nel centro storico di Ceglie Messapica. Una perquisizione ha condotto al rinvenimento di una bottiglietta con 15 milligrammi di metadone.

Il parente di Gioia però non era munito di patente di guida, pertanto Giovanni Alessandro Gioia è stato denunciato per evasione, mentre il congiunto per guida senza patente. Ma non è finita qui. Dopo il ritorno a casa dalla caserma, beneficiando di una riassegnazione agli arresti domiciliari nelle more del giudizio per evasione, il giovane ha avuto una lite con i genitori e ha abbandonato per la seconda volta l’abitazione di famiglia. I carabinieri lo hanno rintracciato e raggiunto nei pressi della strada provinciale per Martina Franca, arrestandolo per la seconda volta in poche ore, ma questa volta il pm di turno ne ha disposto il trasferimento alla casa circondariale di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade due volte dai domiciliari in poche ore, e finisce in carcere

BrindisiReport è in caricamento