Nonostante i domiciliari, continuava a molestare la ex: condotto in carcere

Aggravata la misura cautelare a carico di un 25enne che nei giorni scorsi aveva minacciato la donna con un coltello e spintonato i carabinieri

MESAGNE –. Nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, con insistenza avrebbe tentato di contattare la ex compagna, tramite telefonate e social network. Adesso si trova in carcere un 25enne di Mesagne che lo scorso 24 luglio era stato arrestato in flagranza di reato per aver minacciato con un coltello la ex e aver spintonato i carabinieri, intervenuti in aiuto della storia. Il giovane è stato raggiunto da un’ordinanza dell’applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal tribunale di Brindisi. Il provvedimento, notificatogli dai carabinieri della stazione di Mesagne, è scaturito dalle violazioni alla misura cautelare. 

Sempre a Mesagne, i carabinieri hanno arrestato per evasione un 51enne del posto, già sottoposto al regime di detenzione domiciliare. In particolare, i militari hanno sorpreso l’uomo mentre transitava a bordo di un'auto per una via del centro abitato fuori dagli orari prescritti, insieme a un pregiudicato. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato rimesso in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Temperature in calo: allerta neve anche in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento