Mesagne: rubava energia per la casa e per la carrozzeria abusiva

I carabinieri di supporto ai tecnici Enel arrestano, e poi liberano, un 58enne del luogo

MESAGNE - A Mesagne i carabinieri della stazione cittadina hanno tratto in arresto in flagranza di reato – e poi rimesso in libertà come disposto dal pm -  un 55enne del luogo, in seguito all’accertamento di un furto energia elettrica. I militari a seguito della squadra dell’Enel addetta alle verifiche, hanno constatato che l’uomo si era allacciato abusivamente alla rete elettrica, procurando un ammanco di energia elettrica stimato in 23.000 euro. Contestualmente è stato appurato che l’allaccio abusivo alimentava anche un locale della stessa abitazione dove l’uomo esercitava, abusivamente l’attività di carrozziere, motivo per cui è stato deferito per il reato di “esercizio abusivo di una professione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro sulla provinciale: muore un bambino di 16 mesi

  • Nuova ordinanza regionale: obbligo di mascherina anche in spazi all'aperto

  • Scontro fra auto e scooter sulla provinciale: muore il motociclista

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: 33 casi in Puglia, 4 nel Brindisino

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Marito aggredito con l'acido: la moglie non parla davanti al giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento