Sorpreso con 32 grammi di eroina: chiesta la revoca del reddito di cittadinanza

Un 55enne ha subito la perquisizione dei carabinieri. Sotto sequestro la droga e il materiale per il confezionamento

OSTUNI –Sorpreso con 32 grammi di eroina in casa, rischia di perdere il reddito di cittadinanza. Il 55enne Francesco Flore, di Ostuni, è stato arrestato in flagranza di reato a seguito di una perquisizione effettuata dai carabinieri della stazione della Città Bianca. I militari si sono recati presso la sua abitazione, recuperando 32 grammi di eroina suddivisa in dosi e materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente. L’uomo, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Non solo. I carabinieri hanno anche chiesto la revoca, a carico del 55enne, del reddito di cittadinanza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento