Ostuni, telefonate alla ex e pedinamenti: presunto stalker ai domiciliari

Emesso un nuovo provvedimento restrittivo a carico di un 45enne già gravato dal divieto di avvicinarsi alla vittima

OSTUNI – Continuava a perseguitare l’ex coniuge, nonostante il divieto di avvicinamento. Adesso un 45enne di Ostuni è stato raggiunto da un’ordinanza di sostituzione della misura coercitiva del divieto di avvicinamento alla parte offesa con quella degli arresti domiciliari. Il provvedimento restrittivo, emesso dal gip del tribunale di Brindisi, è scaturito dalle indagini condotte dai carabinieri della locale stazione. 
ùDa quanto appurato dai militari, l’indagato tempestava la vittima di chiamate telefonica e seguiva i suoi spostamenti, pedinandola. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato condotto presso la sua abitazione, in regime di domiciliari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro sulla provinciale: muore un bambino di 16 mesi

  • Nuova ordinanza regionale: obbligo di mascherina anche in spazi all'aperto

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: 33 casi in Puglia, 4 nel Brindisino

  • Scontro fra auto e scooter sulla provinciale: muore il motociclista

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Tragedia in mare: sub trovato senza vita sul fondale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento