Bombe a mano fra i sassi: gli artificieri dell'esercito le fanno brillare

Intervenuti i militari dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia. I residuati erano stati ritrovati dai carabinieri

BRINDISI – Gli artificieri dell’esercito dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia hanno fatto brillare nel pomeriggio di venerdì (18 ottobre) le due bombe a mano ritrovate giovedì pomeriggio in contrada Conversano, nelle campagna di San Vito dei Normanni, nei pressi della strada per Carovigno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di residuati bellici risalenti probabilmente alla Seconda guerra mondiale. Gli ordigni, nascosti fra i sassi, sono stati scoperti da una pattuglia dei carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Gli stessi militari hanno messo in sicurezza il sito, distanze da centri abitati, e pattugliato l’area fino all’intervento di brillamento e bonifica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento