menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asl Brindisi: "Maggiore il rischio di epidemia influenzale, andate a vaccinarvi"

La vaccinazione antinfluenzale è stata avviata in provincia di Brindisi a partire dall'8 novembre scorso, con la disponibilità di 77.000 dosi di vaccino che saranno somministrate fino al 31 gennaio 2017

BRINDISI - Si è svolta questa mattina, presso la sede della Direzione Generale della Asl Br a Brindisi, la Conferenza Stampa per la presentazione della Campagna di Vaccinazione Antinfluenzale Asl Br 2016-2017 a seguito del Protocollo Operativo siglato il 31 ottobre scorso con i rappresentanti dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta. 

Sono intervenuti il Direttore Generale dell’Asl, Giuseppe Pasqualone, il direttore sanitario, Angelo Greco, il Direttore del Dipartimento di Prevenzione, Adriano Rotunno, il direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, Stefano Termite,  il presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Brindisi, Emanuele Vinci, il prefetto di Brindisi Annunziato Vardè, la sindaca di Brindisi Angela Carluccio.

La vaccinazione antinfluenzale è stata avviata in provincia di Brindisi a partire dall’8 novembre scorso, con la disponibilità di 77.000 dosi di vaccino che saranno somministrate fino al 31 gennaio 2017. Rispetto all’anno precedente, quest’anno si ipotizza un rischio maggiore di epidemia influenzale a causa delle dell’individuazione di nuovi ceppi e delle previsioni di un inverno più rigido. La vaccinazione antinfluenzale diventa, pertanto, il mezzo più efficace e sicuro per la prevenzione della malattia e delle sue complicanze, e la riduzione della mortalità prematura in gruppi ad aumentato rischio di malattia grave.

La composizione del vaccino indicata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per l'emisfero settentrionale nella stagione 2016-2017 è la seguente:
- antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H1N1)pdm09;
- antigene analogo al ceppo A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2);
- antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria).

Conferenza_stampa_influenza_4-2

Nel caso di utilizzo di vaccino quadrivalente, alla composizione precedente si aggiunge un ulteriore ceppo B/Phuket/3073/2013-like.
La vaccinazione è offerta gratuitamente per il tramite dei Medici di Famiglia alle persone di età pari o superiore a 65 anni, bambini e adulti affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza (malattie croniche dell'apparato respiratorio, malattie dell'apparato cardio-circolatorio, diabete e malattie metaboliche, tumori, malattie infiammatorie croniche, epatopatie croniche), donne che all'inizio della stagione epidemica si trovino al secondo e terzo mese di gravidanza, medici e personale sanitario di assistenza, veterinari o personale che per motivi di lavoro è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione, personale addetto a servizi pubblici di primario interesse collettivo (forze di polizia, vigili del fuoco).

Come ribadito dal Presidente dell’Ordine dei Medici Emanuele Vinci, i vaccini antinfluenzali sono farmaci sicuri perché sottoposti ad una serie di controlli accurati, effettuati già durante la produzione e quindi prima dell’autorizzazione all’immissione in commercio. La vaccinazione è fortemente raccomandata, tanto che l’Ordine avvierà procedimenti disciplinari nei confronti dei Medici che invece la sconsiglieranno. E sottolinea che la profilassi rimane il metodo più sicuro per evitare il ritorno di patologie gravi che erroneamente si ritengono ormai scomparse.

Conferenza_stampa_influenza_3-2

Anche il Prefetto consiglia vivamente di ricorrere alle vaccinazioni per evitare il rischio di diffusione di alcune patologie, maggiore negli ultimi anni anche a causa del fenomeno migratorio.  Il Direttore del Sisp, Stefano Termite, rammenta che la campagna vaccinale per l’influenza rappresenta occasione per l’offerta in co-somministrazione della vaccinazione anti-pneumococcica con possibilità di effettuare la chiamata attiva dei soggetti target anche negli altri periodi dell’anno, vista la destagionalizzazione di tale intervento di sanità pubblica.

Basta una sola dose di prodotto 13valente per dare immunizzazione nei confronti dello pneumococco per tutta la vita.
Consiglia poi alcuni semplici gesti fortemente raccomandati per limitare la trasmissione del virus influenzale: lavaggio delle mani anche con gel alcolici in assenza di acqua, buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani), restare a casa ed evitare il contatto con altri soggetti in caso di malattie respiratorie febbrili, specie in fase iniziale, uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento