menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalto a Postamat nel Leccese: ricerche anche in provincia di Brindisi

I ladri hanno provato a scardinare il forziere, ma il sistema d’antifurto li ha fatti desistere e così sono stati costretti alla fuga. Non senza versare sull’asfalto i pericolosi chiodi

MAGLIANO – Proprio come a San Gregorio, appena due settimane addietro: l’assalto al postamat, fallito anche in quest’occasione, e i chiodi a quattro punte disseminati per strada, proprio per frenare l’intervento delle forze dell’ordine. A farne le spese, una vettura dei carabinieri alla quale sono scoppiati gli pneumatici.

La probabilità che si tratti degli stessi soggetti lo suggerisce anche il tipo di obiettivo, un ufficio postale periferico e non in un centro più grosso e che si presume più sorvegliato. Se il 15 gennaio era stato quello della marina di Patù, infatti, deserta in questo periodo dell’anno, alle prime ore del giorno di oggi il tentativo è stato fatto con quello di Magliano, (frazione di Carmiano), in via Grazia Deledda.

I ladri hanno provato a scardinare il forziere, ma il sistema d’antifurto li ha fatti desistere e così sono stati costretti alla fuga. Non senza versare sull’asfalto i pericolosi chiodi che hanno finito per arrestare la corsa della prima autovettura dei militari dell’Arma intervenuta una decina di minuti dopo le 5 del mattino, dipendente dalla compagnia di Campi Salentina. Sul posto anche la vigilanza Cosmopol.

Sono state diramate ricerche in tutta l’area del nord Salento e, circa un’ora dopo, nella zona industriale di Carmiano, che si trova proprio sul tracciato di Magliano, provenendo da strada comunale delle Pezze, è stato trovato un furgone pick-up risultato rubato a Surbo solo qualche giorno prima, il 31 gennaio. Aveva il motore ancora acceso.

L’ipotesi più plausibile è che sia stato impiegato per il tentativo di furto, lanciandolo in retromarcia contro il forziere del postamat (per terra ancora i segni delle gomme) e poi abbandonato dalla banda in fase di fuga per balzare a bordo di un’autovettura “pulita” e sviare così le ricerche che, giocoforza, visto il precedente di San Gregorio, hanno riguardato anche la vicina provincia di Brindisi.



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento