Cronaca

Assenteismo al Centro per l'impiego: due assoluzioni e tre condanne

Sentenza del giudice del Tribunale di Brindisi per il caso scoperto dalla Finanza nel 2013 a Mesagne, indagine chiusa nel 2016

BRINDISI – È stata assolta (assieme ad un’altra delle persone imputate, dipendente di un istituto di formazione) perché il fatto non sussiste dal reato di truffa alla pubblica amministrazione, nell’ambito di una indagine della Guardia di Finanza su casi di assenteismo al Centro per l’impiego di Mesagne.

La sentenza del 18 luglio 2019, pronunciata dal giudice Barbara Nestore della sezione penale del Tribunale di Brindisi, scagiona da ogni accusa Iacopina Maiolo, 44 anni, di Brindisi, all’epoca dipendente della società in house della Provincia di Brindisi, la Santa Teresa Spa.

Con la stessa sentenza, invece, sono stati condannati a un anno e 2 mesi, con il beneficio della sospensione condizionale della pena, altri tre imputati dipendenti della Provincia di Brindisi, per aveva abbandonato frequentemente l’ufficio nell’orario di lavoro, secondo le accuse per recarsi al bar, a fare la spesa o per altre questioni private, avvalendosi talvolta della complicità di uno degli stessi imputati, che vidimava il cartellino elettronico in loro vece.

Le circostanze di presunto assenteismo attribuite a Iacopina Maiolo, considerate non sussistenti dalla sentenza, risalgono tutte al periodo estate-autunno del 2013, mentre l’operazione della Finanza risale al 23 settembre del 2015, e i rinvii a giudizio all’ottobre del 2016.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assenteismo al Centro per l'impiego: due assoluzioni e tre condanne

BrindisiReport è in caricamento