Operazione Bronx, Libera: "Vivo ringraziamento ai carabinieri"

Plauso dell'associazione ai militari della compagnia di San Vito dei Normanni per l'inchiesta su spaccio e tentate estorsioni

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell'associazione "Libera contro le mafie – Coordinamento Provinciale di Brindisi", riguardo all'operazione Bronx, condotta dai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. 

Nel mese scorso nella provincia di Brindisi abbiamo assistito ad episodi di minacce, attentati e aggressioni a giornalisti e politici. Inoltre, ancora una volta, sia l’ultima relazione della Direzione Investigativa Antimafia che le dichiarazioni del Procuratore Generale di Lecce Antonio Maruccia alla cerimonia dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, riportano all’attenzione della cittadinanza, delle istituzioni e del tessuto imprenditoriale la pericolosità delle organizzazioni criminali e la capacità delle mafie, anche nel nostro territorio, di infiltrare le amministrazioni pubbliche e diversi settori economici, in particolare quello del gioco.

Rilanciamo dunque l’attenzione a tali fenomeni, condanniamo ogni atto di violenza, intimidazione e infiltrazione e invitiamo politici, imprenditori, ogni cittadina e cittadino a denunciare tali episodi, avendo fiducia nell’operato delle forze dell’ordine e della magistratura, che sempre in queste settimane hanno continuato a dimostrare la loro competenza ed efficacia.

A tal proposito citiamo l’operazione Bronx, nell’ambito della quale, giovedì 30 gennaio, sono state arrestate 20 persone in tutta la provincia per i reati di estorsione ai danni di commercianti, intimidazioni verso politici locali, corruzione, spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi.

Il Coordinamento Provinciale di Libera Brindisi esprime un vivo ringraziamento nei confronti dei carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni guidati dal capitano Antonio Corvino e dal Comandante del Norm, Tenente Alberto Bruno, che hanno condotto le indagini.
Il territorio brindisino, come tutto quello pugliese, purtroppo continua ad essere vessato costantemente da vili atti ad opera della criminalità organizzata. Libera cerca quotidianamente di agire sul tessuto sociale promuovendo i principi dell’antimafia e della responsabilità civile, del riuso dei beni confiscati e della memoria delle vittime innocenti delle mafie, della giustizia sociale e della cittadinanza attiva. Per questo motivo siamo consapevoli che l’azione delle forze dell’ordine è di fondamentale e indispensabile importanza per arginare la deriva mafiosa e criminale in Puglia. 

Continuando sulla scia della nostra collaborazione con le forze dell’ordine, rinnoviamo loro supporto e gratitudine, invitando ognuno a fare la propria parte nella costruzione di un futuro più libero, democratico e solidale per tutte e tutti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento