menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il faro di Forte a Mare. A fondo pagina, il faro delle Pedagne

Il faro di Forte a Mare. A fondo pagina, il faro delle Pedagne

Tra due fari ne salvo solo uno. E Brindisi perde pezzi di storia

Già scese in campo in difesa della Fontana di Tancredi, il cartello delle associazioni brindisine che si battono per la tutela dei beni culturali ora chiede la sospensione della gara d'appalto per la rimozione del faro di Forte a Mare

BRINDISI – Già scese in campo in difesa della Fontana di Tancredi, il cartello delle associazioni brindisine che si battono per la tutela dei beni culturali ora chiede la sospensione della gara d’appalto per la rimozione del faro di Forte a Mare. Italia Nostra, Legambiente, Touring Club Italiano – Club territoriale di Brindisi, Amici dei Musei, Fondazione Tonino Di Giulio, Club per l’Unesco di Brindisi hanno inviato una lettera in tal senso al Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con sede a Bari e alla Soprintendenza Belle Arti di Lecce.

il faro di forte a mare messo in sicurezza per il restauro-2Oltre alla richiesta “di sospensione dell’esecutività dell’appalto”, le associazioni hanno chiesto “di verificare la fattibilità di un intervento di restauro del faro di segnalamento marittimo rimasto in funzione sino a pochi anni fa, sottolineando che l’Autorità portale fino allo scorso anno si era dichiarata disponibile a provvedere al recupero con propri fondi. Il faro costruito sulla terrazza del castello, alloggiato su un traliccio in ferro con stanza di alloggiamento piramidale, aveva una portata di circa 28 miglia marine, è un esempio di archeologia industriale marittima, come tutti i fari dell’area del Basso Adriatico, in particolare della costa salentina, ora diventati oggetto di studio nelle Università”.

L’appalto è stato aggiudicato per 102mila euro circa (l’importo della gara al ribasso era di 150mila euro) alla Icoel Srl di Lecce, che intende avvalersi del subappalto. Il progetto di recupero del faro di Forte a Mare contenuto nei piani triennali dell’Autorità Portuale è stato sostituito in quello 2016-2018 dall’intervento di recupero del faro delle Pedagne. Un antico segnalamento marittimo condannato per salvarne un altro. In contesti diversi da Brindisi, si sarebbe lavorato per salvarli entrambi, che assieme al faro in degrado di Punta Riso rappresentano la storia del porto di Brindisi.

Faro Forte a Mare-2

Nel 1984 la Marina Militare passò il complesso del Castello Alfonsino e della annessa fortezza al Demanio, e poi alla Soprintendenza ai Beni culturali di Brindisi, Lecce e Taranto. Il castello, quell’anno, fu considerato inagibile e il faro fu spento dopo 46 anni di servizio (era stato attivato nel 1938 dalla Regia Marina), e sostituito con un surrogato elettronico in cima al Monumento al Marinaio. L’ultima persona che ha lavorato a quella lanterna, accendendola a sera e spegnendola all’alba, è stato Pierino Corbelli. Duecento scalini da salire due volte al giorno.

Il vecchio faro delle Pedagne-2Corbelli rimase meravigliato quando una volta, per manutenzioni, fu smontato il gruppo ottico costruito nel 1933: era perfetto. La carta d’identità del faro di Brindisi erano i lampi bianchi con intervallo di 20 secondi, percepibili sino a 28 miglia nautiche di distanza. Era il più giovane dei fari brindisini: prima ci sono stati il faro di Punta Penne ormai scomparso, il faro delle Pedagne, il faro di Punta Riso.

Ricordano “i piroscafi della Florio & Rubattino, della Navigazione generale italiana, della Società anonima di Navigazione ellenica ma soprattutto della Peninsular and Oriental, società concessionaria della prestigiosa Valigia delle Indie, servizio postale e trasporto passeggeri da Londra a Bombay (1870)”, annotano i ricercatori dell’Università del Salento che, per conto della Provincia di Brindisi, amministrazione Errico, hanno censito anni fa il patrimonio archeologico industriale.

Ma per salvare la storia marittima ed economica di Brindisi non ci sono mai soldi. Languono le antiche torri di guardia, gli antichi stabilimenti vinicoli sono stati demoliti, le fortificazioni dell’Isola di S. Andrea sono state saccheggiate, tutto ciò che si rinviene nei lavori di scavo, come sul lungomare, viene ricoperto, antiche ville del Casale cancellate, e ora con un colpo di penna via anche il faro di Forte a Mare. Dov’è il senso di appartenenza dei brindisini?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    A fuoco chiosco del pane, paura al quartiere Paradiso

  • Green

    Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

  • Emergenza Covid-19

    Covid: inarrestabile discesa dei ricoveri, ma ancora troppi decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento