rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca Ostuni

Operazione "Gold Cars": due persone assolte in abbreviato

Si tratta di Gennaro Cantore e Martino Ancona, entrambi furono arrestati nell'ambito di un'inchiesta su un presunto giro di auto di lusso rivendute illecitamente

OSTUNI – Furono arrestati con l’accusa di far parte di un sodalizio dedito all’appropriazione indebita di auto di grossa cilindrata e di notevole valore economico, ai danni di ignare società del settore. Ieri (martedì 31 maggio) è arrivata l’assoluzione nei confronti degli ostunesi Gennaro Cantore, difeso dall’avvocato Mario Guagliani, e Martino Ancona, difeso da Giuseppe Guastella.

La sentenza è stata emessa dal gup del tribunale di Brindisi, Vittorio Testi, al termine di un processo celebrato con rito abbreviato. Il pm aveva chiesto la condanna a un anno di reclusione a carico di entrambi gli imputati. Lo stesso giudice ha disposto inoltre il rinvio a giudizio nei confronti di un terzo imputato, Antonio Andriola, difeso da Gianvito Lillo e Giuliano Calabrese, che aveva optato invece per il rito ordinaro. Le posizioni di altre cinque persone erano state definite a maggio 2021 con altrettanti patteggiamenti

Il procedimento è scaturito dall’inchiesta ribattezzata “Gold Cars”, che la notte fra il 4 e il 5 marzo 2021 portò all’arresto di nove persone (quattro in carcere e cinque ai domiciliari) in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Brindisi. Secondo l’accusa, tramite società fittizie, i membri del sodalizio avrebbero noleggiato in leasing auto di lusso, per poi rivenderle illecitamente nel Nord Italia o all'estero. Le nove persone coinvolte erano accusate di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti di appropriazione indebita di autovetture di grossa cilindrata e di notevole valore economico ai danni di ignare società del settore e autoriciclaggio dei proventi dei delitti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Gold Cars": due persone assolte in abbreviato

BrindisiReport è in caricamento