Comune di Brindisi, nuove assunzioni: dieci vigili, due dirigenti e due impiegati

Al comando della polizia locale necessario coprire i pensionamenti. Caselle vuote a Palazzo di città

BRINDISI – Rinforzi in arrivo al comando della polizia locale di Brindisi e new entry a Palazzo di città nei prossimi due anni: saranno assunti dieci vigili urbani, due dirigenti a tempo determinato, uno responsabile del settore Patrimonio e casa e l’altro alla guida della Programmazione economica più due impiegati a tempo indeterminato.

Il piano delle assunzioni

Mauro Masiello-2Il piano triennale delle assunzioni 2019-2012, in relazione al fabbisogno del personale, è stato rivisto e corretto dalla Giunta su proposta dell’assessore Mauro Masiello (foto accanto), anche in relazione agli effetti che la riforma delle pensioni avrà sul corpo della polizia locale. Conseguenze anticipate dal comandante Antonio Orefice, alle prese con un divario consistente tra numero degli agenti e quello previsto in organico. Settanta sono i vigili in servizio a fronte di una dotazione che arriva a 103.

Polizia locale

Se inizialmente, con la delibera del 25 settembre 2018, l’esecutivo aveva dato il via libera all’assunzione a tempo indeterminato di quattro istruttori di vigilanza di categoria C, adesso ce ne saranno sei in più, per arrivare all’innesto di dieci unità “per attenuare l’attuale carenza di risorse umane in previsione della cosiddetta quota 100, approvata con decreto legge del 17 gennaio 2019”. E’ stata prevista la possibilità di anticipare l’età pensionabile a 62 anni di età e 38 di contributi.

“Con questa combinazione si stima che all’interno del corpo della polizia locale”, oltre a tre unità già in età pensionabile prima della riforma, “potrebbero andare in quiescenza altri due lavoratori”. Non solo. Dal comando, hanno ricordato che il 31 dicembre sono scaduti i rapporti di lavoro con sette istruttori di vigilanza.

Dirigenti e istruttori

A Palazzo di città, dal primo febbraio prossimo, non ci sarà più l’architetto Giuseppe Casuccio: passerà al Comune di Enna. Di conseguenza “per il Comune di Brindisi ci sarà un depotenziamento dei profili dell’area tecnica”. La casella sarà riempita tramite procedura di selezione. Stessa strada sarà seguita per l’altra figura dirigenziale: in entrambi i casi si tratta di figure da assumere a tempon determinato.

Troveranno, inoltre, inserimento un istruttore direttivo architetto, categoria D1, a tempo indeterminato, attraverso lo scorrimento di graduatorie dopo concorsi svolti da altre Amministrazione. Lo stesso vale per un istruttore amministrativo di categoria C.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento