menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il bancomat preso di mira

Il bancomat preso di mira

Attacco col gas contro un altro bancomat

VILLA CASTELLI – Nuovo assalto a un bancomat con esplosione. Questa volta nel mirino della banda, a quanto pare la stessa di altri colpi simili in provincia, la filiale della Banca di Credito Cooperativo San Marzano di San Giuseppe, a Villa Castelli.

VILLA CASTELLI - Nuovo assalto a un bancomat con esplosione. Questa volta nel mirino della banda, a quanto pare la stessa che ha compiuto colpi simili in tutta la provincia, ci è finita la filiale della Banca di Credito Cooperativo San Marzano di San Giuseppe, in via Ceglie a Villa Castelli. Il bottino si aggirerebbe intorno ai 50mila euro, non è stato accertato se si entrato in funzione il sistema macchia soldi. Il danno all'edificio (non visibile dall'esterno) è pesante: è crollato un muro perimetrale. Fortunatamente non ci sono feriti. Sul caso indagano i carabinieri.

Da quanto è stato accertato fino a questo momento, il metodo utilizzato per aprire la cassaforte è sempre lo stesso: si riempiono le fessure di gas e si fa esplodere l'interno. Il colpo è stato messo a segno tra le 4 e le 4,30 di oggi. L'istituto di credito è dotato di sistema di video sorveglianza e i fotogrammi sono al vaglio degli investigatori.

Si ritiene che si tratti della stessa banda, quella che si muove a bordo di un'Audi di colore scuro, che dal 13 aprile aprile ad oggi ha messo a segno già sette colpi tra Brindisi e provincia. Nel mirino sia bancomat che postamat. L'ultimo colpo simile risale all'11 maggio, in quel caso è stato fatto saltare il postamat del quartiere Sant'Elia a Brindisi. Ma non va dimenticato l'assalto dell'altro giorno alle colonnine del distributore di carburante self-service al centro commerciale Le Colonne, alle porte di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento