rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

"Attivati nuovi rilevatori di velocità sulle superstrade": ma è una bufala

La Polizia stradale smentisce il contenuto di un messaggio che da mercoledì sta circolando su whatsapp, creando forte incertezza fra gli automobilisti

BRINDISI – Da ieri sera (15 marzo) circola sulle chat di Whatsapp un messaggio secondo il quale alcuni rilevatori di velocità sono stati attivati all’imbocco delle superstrade che collegano Brindisi a Lecce, Taranto, e Bari. La polizia Stradale, contattata da BrindisiReport in mattinata, smentisce la notizia. “Non corrisponde al vero – comunica la stradale – che sono stati installati dei rilevatori di velocità”.

Nel giro di poche ore il messaggio incriminato è stato condiviso da migliaia di utenti, provocando grande incertezza fra gli automobilisti. v“Sono stati attivati alcuni rilevatori di velocità – si legge nel messaggio -  sulla superstrada Lecce/Brindisi, all'ingresso di Brindisi all'altezza della stazione di servizio Agip. Sulla superstrada Bari/Brindisi sempre all'ingresso di Brindisi, all'altezza della stazione di servizio ERG di Morleo/autodemolizioni Cannone. Questi due punti gia' attivi da oggi”.

“In via di attivazione – si legge ancora nel messaggio - un altro rilevatore sulla superstrada Taranto/Brindisi, all'altezza dell'ospedale Perrino e nuovo centro commerciale. Attenzione!”

A scatenare l’equivoco potrebbe essere stato l’avvistamento di alcuni operatori dell’Anas intenti ed effettuare dei lavoratori nei tratti indicati nel messaggio. Da quanto appreso da BrindisiReport, l’Ente starebbe installando in realtà non dei rilevatori di velocità (la cui presenza va opportunamente segnalata e comunicata, sulla base di quanto previsto dalle normative vigenti) ma dei rilevatori di transito dei veicoli per quantificare la circolazione stradale. Non c’è il rischio, insomma, che arrivi la multa a casa, in caso di superamento dei limiti di velocità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Attivati nuovi rilevatori di velocità sulle superstrade": ma è una bufala

BrindisiReport è in caricamento