Forse collegata a traffici di droga l'auto bruciata a Cerano

La zona del bosco e la costa sono state spesso teatro di sbarchi di stupefacenti e clandestini

BRINDISI – Perlustrazioni, stamattina, sul luogo dove nella tarda serata di ieri è stata abbandonata e data alle fiamme da ignoti un’Audi con targa bulgara, dettaglio annotato da polizia e vigili del fuoco durante le operazioni di spegnimento, per evitare che il rogo si estendesse alla macchia e alle piante del bosco di Cerano, a sud del capoluogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si può escludere che l’auto potesse in qualche modo essere coinvolta in attività di sbarco di droga o clandestini: la zona, sito abituale da anni di questo genere di attività illegali sulla rotta Albania – Salento, potrebbe essere stata interessata da movimenti sospetti anche nella prima serata di mercoledì 19 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento