menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Cennoma

Antonio Cennoma

Autista 118 morto: sette indagati

S. PIETRO VERNOTICO - Una tragica fatalità o un incidente sul lavoro in merito al quale vanno ricercate eventuali responsabilità? Il dramma di Antonio Cennoma, il soccorritore del 118 di San Pietro Vernotico morto per salvare una donna che minacciava il suicidio, è oggetto di un’inchiesta avviata dalla procura di Brindisi per concorso in omicidio colposo: sono sette le persone iscritte nel registro degli indagati dal pm Savina Toscani.

S. PIETRO VERNOTICO - Una tragica fatalità o un incidente sul lavoro in merito al quale vanno ricercate eventuali responsabilità? Il dramma di Antonio Cennoma, il soccorritore del 118 di San Pietro Vernotico morto per salvare una donna che minacciava il suicidio, è oggetto di un'inchiesta avviata dalla procura di Brindisi per concorso in omicidio colposo: sono sette le persone iscritte nel registro degli indagati dal pm Savina Toscani.

Si tratta, innanzitutto, del direttore generale della Asl, Paola Ciannamea e del direttore sanitario degli ospedali di Brindisi, San Pietro e Mesagne, Antonio Piro, coinvolti perché la caduta dal tetto dell'autista dell'ambulanza (dipendente dell'Azienda sanitaria locale) è a tutti gli effetti un infortunio avvenuto durante il servizio. Ci sono poi il medico, gli infermieri e gli altri soccorritori che erano sul posto, alle 10 del mattino del 29 agosto scorso, in via Nitti, chiamati a intervenire per impedire a una 40enne si lanciasse nel vuoto.

Essi si sono affidati alla difesa degli avvocati Danilo Cito, Angelo Pallara, Raffaele Lomartire e Giuseppe Di Viesto. La famiglia dell'autista del 118 si è invece affidata all'avvocato Gianvito Lillo. Ai sette indagati è stato notificato un avviso di conferimento di incarico per l'autopsia eseguita stamani dal medico legale nominato dalla procura e da un consulente di parte: va specificato che è un atto dovuto, essendo l'esame autoptico un accertamento tecnico irripetibile.

Il cuore di Cennoma, padre di due bambini, ha cessato di battere il 4 ottobre scorso, nel reparto di Rianimazione del Perrino di Brindisi, dopo 40 giorni di agonia. Il 29 agosto scorso l'uomo, sposato con figli, non esitò a raggiungere una donna che aveva manifestato l'intenzione di farla finita lanciandosi da un terrazzo. Una tettoia, stando alle ricostruzione fatte dai vigili urbani, cedette sotto il peso delle due persone che caddero all'interno di un deposito. Solo il soccorritore si ferì gravemente alla testa, la 40enne che voleva lanciarsi nel vuoto riportò lesioni lievi.

Antonio Cennoma fu subito soccorso dagli stessi colleghi che erano con lui sul posto, chiamati a intervenire dai famigliari dell'aspirante suicida. Fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico nel reparto di Neurochirurgia, poi trasferito in Rianimazione. Le sue condizioni parvero sin da subito molto critiche, ma il tempo trascorso aveva fatto sperare in una ripresa. Un atto di eroismo, il suo, che gli è stato fatale e che è ora al centro degli accertamenti disposti dal magistrato.

Poteva, vista la sua mansione di autista, salire lassù per riportare alla calma la 40enne che sosteneva di volerla fare finita? Qualcuno glielo aveva concesso o, invece, gli era stato detto di restare al proprio posto? Sono tutti elementi, questi, che andranno valutati con meticolosità, proprio per appurare eventuali responsabilità di altre persone in merito all'accaduto.

Al momento, l'iscrizione nel registro degli indagati per tutte le persone alle quali è stato notificato l'avviso di conferimento di incarico è un passaggio tecnico, necessario per consentire a tutti di nominare un consulente per l'autopsia che è stata effettuata stamani e che avrebbe confermato, a quanto si è saputo, che a provocare il decesso del 46enne sono state le ferite alla testa riportate in seguito alla caduta.

Subito dopo, in tarda mattinata, è stato concesso il nulla osta alla sepoltura. I funerali dello sfortunato autista d'ambulanza saranno celebrati domattina alle 10.30 nella chiesa degli Angeli, a San Pietro Vernotico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Attualità

"Me contro te" di Gianluca Leuzzi candidato al David di Donatello

social

Sant'Antonio Abate, il Santo del fuoco tra storia e tradizione

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Coronavirus, oltre 1200 nuovi positivi e oltre 1500 guariti

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Cronaca

    Minaccia di morte e terrorizza la madre e la moglie: finisce in carcere

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento