menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Autista Stp non fa scendere un'anziana alla fermata. La motivazione è assurda

"Per una sola persona non si ferma il pullman". Questa è l'assurda spiegazione fornita da un autista della Stp a una brindisina di 75 anni, Maria Liuzzi, che non è potuta scendere alla fermata regolarmente prenotata, ma a quella successiva

BRINDISI – “Per una sola persona non si ferma il pullman”. Questa è l'assurda spiegazione fornita da un autista della Stp a una brindisina di 75 anni, Maria Liuzzi, che non è potuta scendere alla fermata regolarmente prenotata, ma a quella successiva. L’episodio è stato segnalato alla redazione di BrindisiReport dai famigliari dell’anziana, attraverso il servizio whatsapp al numero 348 8390912.

Stando alla segnalazione, dunque, la pensionata intorno alle ore 8,20 di oggi è salita a bordo dell’autobus di linea 1, alla fermata di via Santa Maria Ausiliatrice, nei pressi dell'ex mercato ortofrutticolo del rione Commenda. La donna, afflitta da seri problemi di salute, doveva raggiungere gli ambulatori dell’Asl situati in via Dalmazia, dove aveva prenotato una visita. Dopo aver imboccato viale Commenda, sempre da quanto riferito dai suoi famigliari, la 75enne ha schiacciato il pulsantino attraverso il quale si prenota la fermata successiva: quella più vicina all’incrocio fra viale Commenda e via Dalmazia appunto.

La 75enne si alza dal sedile avvicinandosi all’uscita. Ma una volta giunti alla fermata, il conducente ha tirato dritto, ignorando le pacate rimostranze della donna. Solo alla fermata successiva, in via Osanna, il conducente ha lasciato scendere la passeggera, proferendo quella frase: “Per una sola persona non si ferma il pullman”.

Ovviamente si tratta di una giustificazione che non ha alcun fondamento, visto che un conducente è tenuto a far scendere anche un solo passeggero, se la fermata è stata regolarmente prenotata. Ma così non è stato e la malcapitata ha dovuto farsi a piedi un considerevole (interminabile per una persona sofferente) tratto di strada, per raggiungere l’Asl. Quando la donna ha contattato il figlio per metterlo al corrente dell’accaduto, questi è andato su tutte le furie.

“E’ inammissibile – dichiara il figlio – un comportamento del genere. Ho subito contattato la sede della Stp per esporre i fatti, ma sono stato rimbalzato da un interno all’altro senza riuscire a parlare con nessuno. Poi ho contattato la sede di via Cappellini. Adesso sto seriamente prendendo in considerazione la possibilità di sporgere denuncia ai carabinieri” 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento