menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesca Del Vecchio (foto www.mesagnesera.it)

Francesca Del Vecchio (foto www.mesagnesera.it)

Auto contro bus: indagini su dinamica

MESAGNE – La salma della giovane Francesca Del Vecchio, la 20enne di Mesagne rimasta vittima ieri sera in un incidente stradale mentre percorreva, insieme al fidanzato, Daniele Vitale 26 anni, la superstrada che collega Lecce a Brindisi, è ancora a disposizione della magistratura.

MESAGNE - La salma della giovane Francesca Del Vecchio, la 20enne di Mesagne rimasta vittima ieri sera in un incidente stradale mentre percorreva, insieme al fidanzato, Daniele Vitale 26 anni, la superstrada che collega Lecce a Brindisi, è ancora a disposizione della magistratura. Si trova nella camera mortuaria del cimitero di Brindisi in attesa che il pubblico ministero di turno Giuseppe De Nozza, disponga l'ispezione cadaverica, necessaria per accertare se la causa del decesso deve essere ricercata con l'esame autoptico o se, invece, può essere stabilita senza ulteriori approfondimenti di natura medico-legale.

Sulla dinamica dell'incidente, intanto, indaga la polizia stradale di Lecce, giunta sul posto per i rilievi di rito. Secondo i primi accertamenti la giovane era seduta sul lato passeggero di una Mercedes 220 guidata dal fidanzato Daniele Vitale. All'altezza dello svincolo per San Pietro Vernotico, per cause non ancora chiarite il veicolo su cui viaggiavano i due giovani ha tamponato un bus con targa polacca che procedeva nella stessa direzione. Lo scontro tra i due mezzi è stato così violento che il lato della vettura occupato dalla giovane. Francesca è morta sul colpo, intrappolata nell'abitacolo: lei era sul latop della vettura che si è incastrato sotto il pullman. Nel pullman c'erano sei passeggeri che non hanno riportato ferite. Quel tratto di superstrada è rimasto bloccato fino all'alba. Il traffico è stato fatto deviare nei Comuni vicini e i mezzi sono stati rimossi solo quando tutti i rilievi necessari a ricostruire con esattezza la dinamica dell'incidente non sono stati eseguiti.

Sul posto si sono recate alcune ambulanze del 118, i vigili del fuoco e la polizia stradale. Per la 20enne, però, non si è potuto fare nulla. All'arrivo dei sanitari già non respirava più. Il suo fidanzato è stato trasferito in ospedale con contusioni e ferite ma è stato dimesso poche ore dopo. La salma della 20enne, figlia di un maresciallo della Marina Militare di Brindisi, Francesco, è rimasta sul luogo dell'incidente fino a quando il pubblico ministero di turno, Giuseppe De Nozza, non ha dato l'ok alla rimozione. Scene di disperazione dei congiunti, le uniche persone alle quali è stato concesso di raggiungere il luogo dell'incidente, isolato da soccorritori e forze dell'ordine.

La notizia della scomparsa della giovane Francesca ha fatto subito il giro del paese in cui è nata, Mesagne. In molti si sono precipitati nel posto dove la 20enne ha incontrato la morte. Invasa di gente anche l'abitazione della ragazza sita in via Giuseppe Trono a Mesagne. Non dovesse essere disposta l'autopsia, la salma sarà trasferita, a cura dell'agenzia funebre Tocci, presso la chiesa di San Giuseppe, parrocchia frequentata dalla giovane.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento