menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto imbottita di marijuana, arrestato brindisino

Fermato a Frascati un 41enne residente a Roma. In carcere anche due albanesi

BRINDISI – Auto imbottita di droga, scoperta dai carabinieri a Frascati: in carcere un brindisino di 41 anni, residente da tempo a Roma, e due cittadini di nazionalità albanese. Complessivamente sono stati sequestrati 366 chili di droga che secondo i militari era destinata al mercato della Capitale, per il rifornimento dei pusher.

Gli arresti

I tre sono accusati di spaccio di sostanza stupefacente e sono ristretti nel carcere di Regina Coeli, in attesa della convalida. I militari della compagnia di Frascati sono entrati in azione dopo aver assistito ad uno scambio di auto avvenuto in un parcheggio della zona di via Prenestina-Polense: il conducente di una Opel Corsa e quello di una Fiat Multipla sono scesi per invertirsi alla guida delle due utilitarie. Manovra insolita che i carabinieri hanno segnalato al Comando, chiedendo altre pattuglie in zona in modo tale da seguire i tragitti di entrambe.

Le auto

 I rinforzi sono arrivati dai carabinieri di Tivoli, Pomezia e Castel Gandolfo: L’Opel Corsa è stata fermata in via Appia, all’incrocio con via Nettunense, in località Frattocchie. Sono stati identificati il brindisino,  da tempo residente a Roma e in un cittadino albanese di 22 anni, con precedenti, senza fissa dimora.

La Multipla è stata fermata poco dopo in via Aremogna, nei pressi dell’abitazione del conducente, un cittadino albanese di 26 anni,  già conosciuto alle forze dell’ordine. Nel portabagagli dell’auto, i carabinieri hanno scoperto 13 pacchi in cellophane contenenti 178 chili di marijuana. Sono scattate le perquisizioni nelle abitazioni dei fermati: in quella del 26enne i militari hanno scoperto la restante parte della droga: 14 pacchi per 188 chili di marijuana. Nella stessa abitazione, sono stati trovati materiale per il confezionamento della droga e due bilancini di precisione, più 5.300 euro, somma ritenuta  provento della vendita della sostanza stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento