menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclovia dell'Acquedotto: una grande risorsa, troppi ritardi

I Cicloamici organizzano per sabato 19 un convegno a Mesagne con esperti e l'autore della guida

MESAGNE - I Cicloamici con il patrocinio del Gal Rerra dei Messapi organizzano per sabato 19 maggio alle 18,30 nella sede dello stesso Gal in via degli Albricci 3 un seminario dedicato all'Acquedotto Pugliese, al patrimonio industriale, paesaggistico e storico e alle potenzialità di sviluppo di un turismo ecosostenibile legato questa grande opera. Con l'occasione sarà presentata la "Guida della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese" scritta dal giornalista Roberto Guido, edita da Ediciclo.

Un evento interessante per tutti gli appassionati di cicloturismo del territorio, inclusi gli ospiti stranieri. La Ciclovia dell'acquedotto Pugliese è stata inserita dalla legge di stabilità 2016 tra le "reti cicloturistiche nazionali strategiche". Con i suoi 500 chilometri di lunghezza potrà divenire infatti uno degli itinerari ciclabili più lunghi e affascinanti delle grandi reti escursionistiche europee. 

Il seminario si svolge in un momento molto critico del progetto. Le Regioni Puglia, Campania e Basilicata, pur disponendo dei fondi stanziati dal governo tardano ad avviare gli appalti. L’AqP dal canto suo non intende al momento concedere il passaggio degli escursionisti citando un vecchio decreto regio del 1904 che impediva di transitare su canali e opere similari. Momenti di riflessione come il seminario promosso dai Cicloamici a Mesagne vogliono fare emergere le potenzialità ma anche le criticitità del progetto.

Ciclovia acquedotto-2

Ecco il programma della serata. Introduzione "Itinerari turistici ecosostenibili in Europa. La Ciclovia AqP tra questi?" a cura di: Antonio Licciulli, Cicloamici Fiab. "L'acquedotto pugliese: storie, valori, patrimonio a cura di Antonio Monte, studioso di archeologia industriale del Cnr Ibam, Lecce. "La cicloesplorazione dell'Acquedotto Pugliese: un progetto dal basso" a cura di: Cosimo Chiffi, responsabile Coordinamento dal Basso per la Ciclovia AqP. "La Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese - La guida"
a cura di Roberto Guido, giornalista. 

La guida, curata da Roberto, è uno dei frutti del lavoro collettivo, non istituzionale, del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese. Particolarmente curata è la cartografia, di cui si è occupato l’irpino Michele Chieffo, che aveva già lavorato a un testo sulla via Francigena. 

Roberto Guido dichiara: “Crediamo che la ciclovia sia a tutti gli effetti un itinerario per la scoperta del Sud .... C’è grandissimo interesse rispetto al tracciato – continua – non solo tra gli appassionati. Questo sia perché è bello dal punto di vista ambientale che per la storia che esso racconta. La nostra guida è un itinerario narrativo di un Sud che da solo, con le proprie forze, ha cambiato il corso della storia, è la storia di un popolo che grazie all’Acquedotto Pugliese si è liberato dall’atavica sete e ha modificato il suo destino”.

L’uscita del volume in edicola si auspica possa essere l'occasione per riprendere il dibattito sul progetto. Le risorse per il primo livello di progettazione sono state assegnate, la Puglia è capofila. “Ma un po’ nicchia – puntualizza Guido –. Qualche giorno fa è partito il bando, da Basilicata e Campania invece non abbiamo notizie. Anche per questo abbiamo voluto fare un’operazione indipendente dalle istituzioni, perché crediamo nella frontiera del cicloturismo nel Mezzogiorno”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento