menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il mezzo Monteco bloccato dal cedimento stradale

Il mezzo Monteco bloccato dal cedimento stradale

Autocompattatore sprofonda nell'asfalto

SAN PIETRO VERNOTICO – Che le strade sanpietrane, come quelle di molti Comuni del Brindisino, siano piene di pericolose buche ormai è un dato di fatto, ma che un mezzo possa sprofondare nell'asfalto da un momento all'altro nessuno se lo aspetta.

SAN PIETRO VERNOTICO - Che le strade sanpietrane, come quelle di molti Comuni del Brindisino, siano piene di pericolose buche ormai è un dato di fatto, quasi nemmeno più degno di nota, ma che un mezzo possa sprofondare nell'asfalto da un momento all'altro mentre percorre una strada apparentemente integra, in una giornata sole, nessuno se lo aspetta. Questa mattina, invece, è accaduto: le ruota posteriori destra di un camion della nettezza urbana, sono sprofondate nell'asfalto di via Cairoli, una delle strade più lunghe del paese che collega la circonvallazione al centro storico.

Il mezzo ha subito danni da quantificare (video), il servizio di raccolta dei rifiuti ha subito notevoli rallentamenti e per il Comune di San Pietro Vernotico è sorto un problema urbanistico in più da risolvere. Le cause che hanno portato al cedimento sembrerebbe risiedano in una perdita di acqua dalle condutture della fogna bianca presenti sotto il manto stradale. Lavori eseguiti più di dieci anni fa, a quanto pare, non a regola d'arte. Sul posto oltre agli agenti della polizia locale si sono recati alcuni tecnici e amministratori comunali tra i quali il neo assessore ai lavori pubblici Massimo Guerrieri, che ha eseguito un accurato sopralluogo teso a individuare l'esatta causa che ha portato al cedimento.

"E' chiaro che ci sono perdite di acqua dalle condutture, l'interno della voragine è bagnato, pochi metri più avanti c'è un canale di raccolta delle acque pluviali in cui ci sono sversamenti "anomali" di certo riconducibili a perdite di cui è già stato informato l'Acquedotto pugliese. Non si esclude che quello che è accaduto in via Cairoli sia da ricollegare a quella situazione. È tutto da verificare. Purtroppo in questo paese non c'è mai stato un regolamento comunale che disciplini i lavori riguardanti le pubbliche vie e negli anni passati ognuno si è comportato senza leggi di riferimento. Nessuno degli organi competenti ha controllato adeguatamente le opere pubbliche. Molti lavori non sono stati eseguiti secondo le procedure ma questo è un problema che presto verrà risolto, è già pronto un regolamento che disciplinerà molti aspetti degli interventi".

Il tratto di via Cairoli interessato dal cedimento è rimasto bloccato per diverse ore tra le polemiche dei residenti e di quanti da anni segnalano la situazione. Come l'ex assessore all'urbanistica Aldo Garofalo, che abita proprio in via Cairoli: "Già dieci anni fa ho segnalato il problema di questo tratto di strada, nessuno ha mai controllato sull'esecuzione dei lavori e spesso il manto stradale cede creando buche e avvallamenti, forse è arrivato il momento di prendere sul serio questo problema prima che la situazione degeneri".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento