menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Automobilista non si ferma all'alt e investe poliziotto dopo inseguimento

E' di un poliziotto ferito finito in ospedale il bilancio di un inseguimento che si è verificato intorno alle 18 di oggi sulla strada statale 613 che collega Brindisi a Lecce

BRINDISI – E’ di un poliziotto ferito finito in ospedale il bilancio di un inseguimento che si è verificato intorno alle 18 di oggi sulla strada statale 613 che collega Brindisi a Lecce. Una Peugeot 208 di colore grigio con a bordo due uomini, sembrerebbe padre e figlio, all'altezza dello svincolo per Ostuni sulla 379 (Bari-Brindisi) non avrebbe rispettato l’alt imposto dagli agenti della Polizia stradale tirando dritto in direzione sud. Erano le 17,30 circa.

E così è stato ingaggiato un inseguimento a cui hanno partecipato anche gli agenti delle Volanti allertati dai colleghi della Stradale. All’altezza dello svincolo per il quartiere La Rosa una pattuglia è riuscita a fermare l’auto fuggitiva ma quando un poliziotto si è avvicinato all’abitacolo il conducente ha ingranato la marcia sbalzandolo sull’asfalto della carreggiata opposta, oltre il jersey. Per fortuna non stavano transitando altri veicoli. Il secondo poliziotto, quindi, ha esploso alcuni colpi d'arma da fuoco agli pneumatici della Peugeot che terminava la corsa dopo alcuni chilometri fermato dalle due volanti e dalla polizia stradale

L'agente ferito, sempre secondo i primi accertamenti, era intanto riuscito a rialzarsi e raggiungere l’auto dei colleghi continuando l’inseguimento che si è concluso all’altezza dello svincolo per Tuturano dove i fuggitivi sono stati bloccati. Nelle fasi in cui i poliziotti hanno tentato di fermare l'auto il padre, seduto sul lato passeggero urlava al figlio di fermarsi "Hai fatto un casino, rischiavi di ammazzarlo".

Il conducente è stato portato in ospedale per essere sottoposto agli esami tossicologici mentre il veicolo è stato sequestrato per essere perquisito. Per il poliziotto ferito si è reso necessario l'intervento di un'ambulanza del 118: è stato portato anche lui in ospedale per essere sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. Avrebbe riportato lesioni alla gamba sinistra e al torace. Sono in corso indagini da parte degli agenti della Sezione volanti per ricostruire la vicenda, al momento le cause che hanno portato l'automobilista a non rispettare l'alt imposto dai poliziotti non sono note, si sarebbe rifiutato di spiegare i motivi del suo comportamento.

In tarda serata il conducente è stato arrestato per tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di Alberto Giovanni Franchi, 40 anni, milanese d'origine ma residente in provincia di Novara. Franchi non è nuovo a vicende del genere. Nel 2005, fa sapere la polizia, aveva fatto la stessa cosa in provincia di Varese, ma con una gazzella dei carabinieri. Oggi stava andando in vacanza con il padre. Dimesso in tarda serata l'agente ferito con una prognosi di 20 giorni e una risonanza da fare ai legamenti di un ginocchio. Da quanto se ne sa, la perquisizione dell'auto dei Franchi è risultata negativa.

Ultimo aggiornamento alle 22.49

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento