rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Cronaca Francavilla Fontana

Omicidio di Paolo Stasi, effettuata l'autopsia: raggiunto da due colpi di pistola, uno in pieno petto

Effettuato dal medico legale Raffaele Giorgetti l'esame autoptico sul corpo del 19enne di Francavilla Fontana ucciso la sera del 9 novembre davanti all'ingresso della sua abitazione. I risultati saranno depositati entro 60 giorni. Le indagini proseguono senza sosta

FRANCAVILLA FONTANA – Paolo Stasi è stato colpito da due colpi di arma da fuoco, con ogni probabilità di piccolo calibro. La conferma, da quanto appreso, è arrivata durante l’autopsia che stamattina (sabato 19 novembre) è stata effettuata sul corpo del 19enne di Francavilla Fontana che la sera dello scorso 9 novembre è stato ucciso davanti all’ingresso della sua abitazione in via Occhi Bianchi, a Francavilla. L’esame autoptico, iniziato alle ore 9.30, si è concluso dopo circa quattro ore. 

Il medico legale Raffaele Giorgetti, professore presso l’Università delle Marche, avrà 60 giorni di tempo per consegnare i risultati al pm Giuseppe De Nozza. Ha assistito all’autopsia anche il dottor Donato Sardano, perito nominato dai familiari di Stasi, assistiti legalmente dall’avvocato Domenico Attanasi. Nel pomeriggio dovrebbe arrivare il nulla osta per la restituzione della salma alla famiglia. Dopo di che potranno essere programmati i funerali, che verosimilmente si svolgeranno entro le prossime 48 ore.

L’autopsia consentirà di chiarire la distanza dalla quale sono esplosi i colpi e la traiettoria seguita dai proiettili. Il mancato rinvenimento di ogive lascia supporre che sia stata utilizzata una pistola a tamburo. L’altra ipotesi formulata in questi giorni è quella di una pistola giocattolo modificata. Ma l’interrogativo chiave resta quello del movente. Per quale motivo è stata spezzata in maniera così brutale la vita di un ragazzo di 19 anni? Qual è lo scenario in cui è maturato il delitto? Da 10 giorni i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana lavorano notte e giorno per risalire all’identità del killer. Pare ormai assodato che sia stato Paolo Stasi ad aprirgli la porta. Poi gli spari. Come confermato dall’autopsia, un colpo lo ha raggiunto in pieno petto. Il secondo sulla spalla, di striscio. omicidio Francavilla Fontana 9 novembre 2022

Allarmato dalle due esplosioni, il padre, un operatore radio-televisivo, è sceso in strada e ha visto il corpo esanime del figlio. Per Paolo, ormai, non c’era più nulla da fare. I carabinieri, di concerto con il pm De Nozza, hanno proceduto con l’acquisizione delle immagini riprese dagli impianti di videosorveglianza della zona. Gli inquirenti mantengono strettissimo riserbo. A quanto pare alcune telecamere avrebbero ripreso un individuo in fuga che calzava un paio di scarpe di ginnastica bianche. Potrebbe essere stato lui a sparare. Si cercano delle risposte anche nello smartphone del 19enne, i cui contenuti sono stati analizzati con cura dai carabinieri.

A Francavilla è forte lo shock per uno dei più gravi episodi di cronaca avvenuti in provincia negli ultimi anni. Diplomatosi all’istituto alberghiero di Ceglie Messapica, Paolo viene descritto da tutti come un ragazzo tranquillo e riservato. Un’intera comunità è adesso pronta ad accompagnarlo nel suo ultimo viaggio, nella speranza che le indagini giungano presto a una svolta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Paolo Stasi, effettuata l'autopsia: raggiunto da due colpi di pistola, uno in pieno petto

BrindisiReport è in caricamento