Selvaggia aggressione di gruppo: deve scontare quattro anni

Ordine di carcerazione per il 28enne Marian Oprea Radu. I fatti a Ceglie Messapica nel gennaio del 2012

CEGLIE MESSAPICA - I carabinieri della stazione di Ceglie Messapica hanno arrestato su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lecce il cittadino rumeno Marian Oprea Radu, 28enne residente nella cittadina collinare. L’uomo deve scontare una pensa definitiva di quattro anni, quattro mesi e giorni nove di reclusione per i reati di violenza privata e lesioni personali.

I fatti avvennero nel gennaio del 2012 in Ceglie Messapica, quando cinque uomini di nazionalità rumena aggredirono due loro connazionali per futili motivi, correlati a un piccolo debito. Nella circostanza i cinque si scagliarono accanendosi con calci e pugni. Uno degli assalitori era armato di tirapugni metallico, mentre l’arrestato aveva un coltello a serramanico.

Marian Oprea Radu-2

Una delle vittime dell’aggressione riportò un trauma contusivo all’emivolto destro e all’occhio destro, colpita con calci pugni e ginocchiate in più parti del corpo e all’altezza del viso, riportando l’indebolimento permanente della vista all’occhio destro. La vittima nella circostanza venne ricoverata per trentadue giorni nell’ospedale Perrino di Brindisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Radu minacciò la stessa vittima affinché non formalizzasse alcuna denuncia ai carabinieri, ma i fatti giunsero comunque agli inquirenti. L’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Brindisi a disposizione della magistratura competente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento