rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Mesagne

Avvertimento mafioso a costruttore

MESAGNE – Cinque colpi di lupara contro gli infissi della sua villetta in via di ultimazione, non ancora abitata. E’ l’inquietante messaggio inviato da qualcuno all’indirizzo dell’imprenditore edile Nicola Urgesi, cinquant’enne di Mesagne. L’attentato è stato scoperto nel primo pomeriggio di ieri dalla stessa vittima che si era recato a controllare la casa, in via di completamento, in contrada Bosco Colombo nelle campagne al confine tra Mesagne, Torre Santa Susanna e San Pancrazio Salentino.

MESAGNE - Cinque colpi di lupara contro gli infissi della sua villetta in via di ultimazione, non ancora abitata. E' l'inquietante messaggio inviato da qualcuno all'indirizzo dell'imprenditore edile Nicola Urgesi, cinquant'enne di Mesagne. L'attentato è stato scoperto nel primo pomeriggio di ieri dalla stessa vittima che si era recato a controllare la casa, in via di completamento, in contrada Bosco Colombo nelle campagne al confine tra Mesagne, Torre Santa Susanna e San Pancrazio Salentino.

Erano circa le 16 quando l'imprenditore, giunto sul posto ha notato i fori dei pallettoni, sparati da un fucile da caccia calibro 12, contro gli infissi della sua abitazione, avvisando immediatamente gli agenti del commissariato di polizia di Mesagne - guidati dal vice questore aggiunto Sabrina Manzone - che hanno immediatamente aperto le indagini. Le fucilate, come rilevato dagli investigatori, sono state sparate contro i muri e gli infissi del villino. Un paio hanno infranto alcune vetrate: alcuni pallettoni sono stati rinvenuti su un tavolo e altre masserizie accatastate in casa per essere poi sistemate una volta abitabile.

E' mistero fitto su chi possa esserci dietro questo atto intimidatorio nei confronti di un imprenditore molto noto in città. Il costruttore esclude di aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive, nè tantomeno risulta abbia avuto problemi personali con qualcuno. Gli investigatori indagano a 360 gradi per fare luce sulla vicenda non escludendo la pista del racket delle estorsioni. Urgesi è un imprenditore molto attivo, soprattutto nell'edilizia privata. Tra gli ultimi lavori, in via di completamento, c'è una palazzina sulla via per San Vito dei Normanni costituita da 5 o 6 appartamenti commissionata da privati. Stretto il riserbo sulle indagini da parte degli investigatori.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvertimento mafioso a costruttore

BrindisiReport è in caricamento