menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
San Michele Salentino

San Michele Salentino

Bancarotta: in carcere rivenditore d'auto

SAN MICHELE SALENTINO - E’ una bancarotta fraudolenta che risale al 2002, dall’importo di circa due milioni di euro, quella che ha fatto sì che si aprissero le porte del carcere per un noto commerciante d’auto di San Michele Salentino, la capitale delle rivendite di mezzi usati.

SAN MICHELE SALENTINO - E' una bancarotta fraudolenta che risale al 2002, dall'importo di circa due milioni di euro, quella che ha fatto sì che si aprissero le porte del carcere per un noto commerciante d'auto di San Michele Salentino, la capitale delle rivendite di mezzi usati. Giuseppe Apruzzi, classe 1955 (che non è il titolare dell'attività commerciale più conosciuta della cittadina del Brindisino ma un omonimo), è stato arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Brindisi: deve espiare 4 anni di reclusione. Tanto è stato stabilito in seguito al rigetto da parte della Corte di Cassazione del ricorso dei suoi legali.

Apruzzi, secondo quanto fu appurato all'epoca, avrebbe fatto sparire scritture contabili e distratto una cospicua fetta di patrimonio riconducibile alla sua società. Le indagini sono andate avanti, preso atto del fallimento della sua ditta. Gli atti sono stati trasmessi alla procura della Repubblica di Brindisi. Nel 2011 è iniziato il processo di primo grado. Quasi tre anni dopo il pronunciamento definitivo e la condanna è passata in giudicato. Sono scattate le manette: il commerciante è stato condotto nella casa circondariale di Taranto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento