Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Banda della Croma, fermo convalidato

BRINDISI – Finisce nelle mani delle forze dell'ordine anche la seconda delle due Fiat Croma vecchio tipo utilizzata da una banda di criminali per mettere a segno una raffica di rapine nel Brindisino. L'ultimo colpo messo a segno è stato però fuori porta, sabato sera, ai danni dell'Eurospin di Guagnano. Sul fatto che si tratti della Banda della Croma non ci sono dubbi per gli investigatori. La vettura ritrovata nelle campagne di Campi Salentina, dopo il colpo, è la stessa utilizzata nelle rapine alla Tamoil di Torchiarolo e al supermercato di di Cellino San Marco pochi giorni fa. Una croma di colore grigio: stessa targa riconosciuta dai testimoni che avrebbero assistito alle precedenti rapine.

BRINDISI - Finisce nelle mani delle forze dell'ordine anche la seconda delle due Fiat Croma vecchio tipo utilizzata da una banda di criminali per mettere a segno una raffica di rapine nel Brindisino. L'ultimo colpo messo a segno è stato però fuori porta, sabato sera, ai danni dell'Eurospin di Guagnano. Sul fatto che si tratti della Banda della Croma non ci sono dubbi per gli investigatori. La vettura ritrovata nelle campagne di Campi Salentina, dopo il colpo, è la stessa utilizzata nelle rapine alla Tamoil di Torchiarolo e al supermercato di di Cellino San Marco pochi giorni fa. Una croma di colore grigio: stessa targa riconosciuta dai testimoni che avrebbero assistito alle precedenti rapine.

Nel frattempo questa mattina si è svolta l'udienza di convalida dell'arresto di Francesco Colaci, il 18enne brindisino fermato assieme ad un minore, denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, giovedì sera a bordo di una seconda Croma ritenuta anch'essa una delle due vetture utilizzate in un'altra serie di rapine, in questo caso messe a segno proprio a Brindisi. Colpi differenti, messi a segno probabilmente da una banda differente che utilizzava anchessa una vettura dello stesso modello. Colaci , accusato di ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate, si è avvalso della facoltà di non rispondere dinnanzi al gip Tea Verderosa che ha dichiarato legittimo l'arresto eseguito dai carabinieri, ma non ha ritenuto necessario sottoporlo ad alcuna misura cautelare.

Tornando alla seconda Croma, la vettura è ora in possesso dei carabinieri di Campi Salentina che stanno collaborando alle indagini assieme ai colleghi del Norm di Brindisi e agli agenti della Squadra Mobile brindisina guidati dal vice questore Francesco Barnaba. I sospetti sul fatto che i rapinatori entrati in azione a Guagnano potessero essere gli stessi che stanno seminando il terrore a Brindisi sono stati sollevati sin da subito, troppe sarebbero le corrispondenze: il modus operandi in primis, 4 incappucciati, armati di pistola, che assaltano il supermercato incuranti della presenza dei clienti.

A questo si aggiungerebbero i vari identikit: statura fisica dei soggetti, persino l'accento e poi a chiudere il cerchio la conferma della targa e della tipologia della vettura guidata da un quinto complice. Solo che questa volta i rapinatori hanno deciso di disfarsi dell'auto, oramai divenuta forse troppo riconoscibile. Può essere che la banda abbia deciso di spostarsi nel territorio salentino per mettere a segno le rapine visto che Brindisi in questo momento è una città sotto assedio, i controlli e i pattugliamenti da parte delle forze dell'ordine sono stati intensificati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda della Croma, fermo convalidato

BrindisiReport è in caricamento