menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esplosione in piena notte: torna in azione la banda del bancomat

Utilizzata la tecnica del gas. Nel mirino la filiale della Banca Popolare pugliese di Fasano. Ladri forse in fuga a mani vuote

FASANO – Con un esplosione che ha fatto sobbalzare decine di persone, la banda dei bancomat è tornata in azione la scorsa notte (sabato 29 agosto) nel centro di Fasano. I malviventi hanno preso di mira la filiale della Banca Popolare Pugliese situata in via Roma, nei pressi di corso Garibaldi.

Sono arrivati sul posto intorno alle ore 4, a bordo di un’auto. Si presume che abbiano utilizzato un tubicino per iniettare il gas nella fessura del cash dispenser. Poi, alle 4.08, il boato. La deflagrazione è stata violenta, ma ai ladri è andata male perché l’onda d’urto ha spinto le cassettine cariche di banconote all’interno dell’istituto di credito. A quel punto, consapevoli che di lì a qualche minuto la zona si sarebbe riempita di forze dell’ordine, i banditi sono fuggiti, forse a mani vuote.

Sul posto, allertati dall’allarme attivato dall’esplosione, si sono recati i carabinieri della compagnia di Fasano. I rilievi sono stati effettuati con il supporto dei colleghi della Scientifica. Intorno alle 6,45 sono arrivati anche i vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni per una valutazione dei danni strutturali.  La dinamica dei fatti è al vaglio dei militari, che hanno acquisito le immagini riprese dalle telecamere della zona. I malviventi sapevano che in vista del week end il bancomat avrebbe fatto il pieno di denaro. Ma in attesa dei riscontri del personale dell’istituto di credito, è probabile che siano rimasti a bocca asciutta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: lieve frenata dei guariti, aumentano i decessi

  • Cronaca

    Incendio in un box auto condominiale: spavento fra i residenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento