menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando Cala Materdomini, nuova proroga: offerte entro il 2 agosto

Il Comune: “Numerose domande pervenute agli uffici, difficoltà nella raccolta dei documenti”

BRINDISI – Un altro mese di tempo per consegnare al Comune le offerte per la gestione dei due punti ristoro previsti nel progetto di riqualificazione di Cala Materdomini, destinata a diventare la prima spiaggia pubblica di Brindisi, dopo essere stata quella degli ufficiali: c’è tempo sino al prossimo 2 agosto.

cala materdomini 1-2-2-2

La proroga

La proroga dei termini è stata decisa nella giornata odierna, 2 luglio 2018, ed è stata resa nota con determina dal dirigente del settore Contratti di Palazzo di città, Costantino del Citerna, alla vigilia della data di scadenza indicata dopo una prima proroga.

Inizialmente era stato previsto come termine ultimo il 25 giugno, in un secondo momento è la scadenza è slittata al prossimo 5 luglio, ma a quanto pare più di qualche imprenditore interessato al bando ha evidenziato difficoltà nella raccolta della documentazione di carattere finanziario richiesta dall’Amministrazione cittadina. Margini temporali stretti e numero di istanze pervenite, hanno portato il dirigente a differire il termine di un altro mese. La prima seduta pubblica per l’apertura delle buste è stata fissata al 2 agosto.

Il bando

Il bando riguarda la gestione di due punti ristoro e un’area verde con ombrelloni e giochi per bimbi, a fronte di un canone pari a 9.954 euro e 89 centesimi l’anno. Con durata prevista di quattro anni. L’aggiudicazione avverrà in favore di chi presenterà l’offerta economica più alta. Sul gestore graverà l’onere della “pulizia giornaliera dell’arenile, delle docce, dei servizi igienici (previsti nelle vicinanze dei chioschi) e delle zone di transito e sosta degli utenti”, nonché della guardiania per tutta la durata della concessione. Il canone – precisano da Palazzo di città – è suscettibile di aggiornamento annuo come da tabelle ministeriali, sulla base degli indici determinati dall’Istat per i prezzi al consumo per le famiglie di impiegati e operai per i corrispondenti valori di mercato all’ingrosso.

cala materdomini 2-5-2-2

La spiaggia

“Il compendio si estende su di un’area di 7.304 metri quadrati, per il 43 per cento si tratta di zona demaniale”. Zona che al Comune di Brindisi è pervenuta per effetto del trasferimento da Demanio dello Stato con decreto dell’11 giugno 2014. La parte restante, pari al 57 per cento, coincide con quella di demanio marittimo delegato all’Amministrazione cittadina.

L’Ente, stando a quanto si legge nel bando, chiede “a garanzia del versamento del canone annuo offerto in sede di gara, nonché degli obblighi previsti dal capitolato, una idonea polizza fideiussoria contratta in favore del Comune”. L’importo è pari a due annualità del canone e dovrà essere prestato al momento della stipula del contratto. La mancata presentazione è causa di decadenza dall’aggiudicazione.

Prima della scadenza del termine, i concorrenti possono visionare l’area e chiedere documentazione, previo accordo con il responsabile unico del procedimento, Giuseppe Casuccio o con il direttore dei lavori, Ugo Zongolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Politica

    Il Tar dà ragione a Maiorano, eletto sindaco per due voti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento