Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Via Materdomini

Cala Materdomini, gara ancora bloccata. Attese risposte da Bari

Sono ritardi di natura burocratica quelli che ruotano attorno al progetto di restyling di cala Materdomini, l’ex lido della Marina Militare che oggi si trova in avanzato stato di degrado, ma destinato a diventare una spiaggia, fiore all’occhiello del litorale brindisino

BRINDISI - Sono ritardi di natura burocratica quelli che ruotano attorno al progetto di restyling di cala Materdomini, l’ex lido della Marina Militare che oggi si trova in avanzato stato di degrado, ma destinato a diventare una spiaggia, fiore all’occhiello del litorale brindisino. Se entro la fine di febbraio era stata prevista l’approvazione e la pubblicazione del bando di gara, avente come oggetto un appalto integrato per l’affidamento dei lavori, oggi martedì 3 marzo, tutto è in alto mare in quanto manca ancora la data di convocazione della conferenza dei servizi che era in programma a metà gennaio e dalla quale si era in attesa di un parere sulla richiesta di esclusione del progetto dalla valutazione di impatto ambientale, un procedimento di cui ancora non vi è traccia.

Cala Materdomini di giorno 3-2Intanto da Palazzo di Città, l’amministrazione comunale fa sapere di essere in attesa di risposte che arrivino dalla Regione Puglia perché che solo dopo la conferenza dei servizi si potrà procedere con il bando di gara e avviare i lavori. Ma per accorciare i tempi e capirci qualcosa in più evitando ulteriori ritardi, l’assessore all’Urbanistica Pasquale Luperti, contattato da BrindisiReport.it. ha assicurato che nella giornata di domani (mercoledì 4 marzo) potrebbero esserci delle novità in quanto sarà proprio l’architetto Giuseppe Casuccio, responsabile del procedimento, a recarsi a Bari per approfondire la questione. (Nella foto, il rendering del progetto del Comune)

“Siamo in attesa di risposte che dalla Regione ancora non arrivano – ha spiegato Luperti - , malgrado si tratti di pratiche che abbiamo avviato nel mese di dicembre. Siamo in ritardo, ma non dipende da noi. Domani chiederemo se sarà necessario attendere la conferenza dei servizi o se, in attesa del parere relativo all’esclusione del progetto dalla valutazione di impatto ambientale, estrapolando da quest’ultimo la parte relativa alle barriere soffolte, intanto sarà possibile procedere con il bando di gara per l’affidamento dei lavori e quindi cominciare ad aprire cantiere e avviare un primo intervento di smantellamento dei ruderi. Vedremo di accelerare i tempi, affinché Cala Materdomini cominci a prendere forma”.

L’opera di riqualificazione – va ricordato - riguarda l’area compresa fra l’ex locale notturno Estoril e il lido “Spiaggia del sole”, lungo il prolungamento di via Materdomini. Un terreno di circa un ettaro che nel 2014, grazie ad un accordo con la Marina Militare e l’agenzia del demanio, è passato in gestione al Comune e che verrà gratuitamente messo a disposizione dei cittadini.  Il progetto elaborato dai tecnici del Comune di Brindisi prevede la realizzazione di decine di spazi per la posa degli ombrelloni, la presenza di gazebo posizionati su pedane di legno, un chiosco da adibire a bar, oltre a spogliatoi, toilette, docce e una vasta area parcheggi.

Un intervento di restyling insomma che costerà un milione e 300mila euro: un milione verrà reperito dall’amministrazione comunale con mutuo mentre  la restante parte verrà coperta con uno stanziamento della Regione. In ogni caso, i tempi sono ancora molto lunghi perché se 210 sono i giorni che ci vogliono per completare i lavori, più importante è sapere la data di apertura del cantiere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cala Materdomini, gara ancora bloccata. Attese risposte da Bari

BrindisiReport è in caricamento