rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Carovigno

Spaccio di droga nelle campagne: arrestati un barista e un cameriere

I due sono stati sottoposti a un controllo nei pressi di un immobile. Sequestro complessivo di 171 grammi di cocaina

CAROVIGNO – Sono stati sorpresi nelle campagne di Carovigno con diverse dosi di cocaina: alcune nascoste all’interno di un giubbotto, altre in un immobile rurale. Un cameriere e un barista del posto sono stati arrestati in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, dai carabinieri del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni diretti dal capitano Antonio Corvino e dal tenente Alberto Bruno. Si tratta rispettivamente del 35enne Filippo Mazzurco e del 30enne Alfredo Sbano.

Le perquisizioni personali

I due nella giornata di giovedì (14 febbraio) sono stati sottoposti a controllo in contrada Colacurto, luogo solitamente frequentato da giovani dediti all’uso di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione personale, il 35enne è stato trovato in possesso di 30 dosi di cocaina nascoste all’interno del giubbotto. Lo stesso inoltre possedeva un portamonete con una banconota da 20 euro. Il 30enne, invece, è stato trovato in possesso di 350 euro in banconote di vario taglio.

Droga e materiale da taglio in un rudere

Poi i carabinieri hanno perquisito un immobile rurale adiacente, aprendolo con le chievi rinvenute nelle tasche di uno degli arrestato. Qui è stata trovata una confezione in cellophane, racchiusa all’estremità con nastro isolante di colore nero, contenente stupefacente in pietra per un peso complessivo pari a 66 grammi, ed un bilancino di precisione funzionante, il tutto nascosto sotto il cuscino di un divano presente in una stanza.

Sopra un mobile in legno, situato sempre all’interno della camera, sono stati rinvenuti tre rotoli di nastro isolante di colore nero, un coltello da cucina con manico marrone e lama seghettata ed un cucchiaio in acciaio, utilizzati per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente. Inoltre è stato trovato un barattolo contenente una sostanza da taglio, la creatina, per un peso lordo complessivo di circa 295 grammi. All’interno del barattolo era stato collocato un bicchiere in plastica completo di coperchio contenente sostanza stupefacente, che dalle analisi è risultata essere cocaina, pari a circa 84 grammi.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro. I due arrestati dono stati condotti presso la casa circondariale di Brindisi a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga nelle campagne: arrestati un barista e un cameriere

BrindisiReport è in caricamento