rotate-mobile
Cronaca

Benzina e fuoco contro la videoteca

BRINDISI – Incendio alla videoteca Max Video di via Verona al quartiere Santa Chiara a Brindisi, di Massimiliano Cappellani. Le fiamme hanno distrutto il distributore automatico di dvd e danneggiato la saracinesca. Con tutta probabilità si tratta di un'azione di qualche sconosciuto criminale.

BRINDISI ? Incendio alla videoteca Max Video di via Verona al quartiere Santa Chiara a Brindisi, di Massimiliano Cappellani. Le fiamme hanno distrutto il distributore automatico di dvd e danneggiato la saracinesca. Con tutta probabilità si tratta di un'azione di qualche sconosciuto criminale. Sulla vicenda indaga la polizia.

Il rogo si sarebbe sviluppato poco dopo le 23 di ieri. La videoteca si trova al civico 23, proprio accanto alla tabaccheria data alle fiamme tra il 4 e il 5 aprile scorsi, la stessa notte che fu fatta esplodere una bomba al bar della stazione di servizio Ies dell'ex statale 16 presso S.Pietro Vernotico. Da quanto è stato accertato dai poliziotti, giunti sul posto subito dopo la segnalazione da parte di alcuni passanti, gli attentatori, così come accadde per la vicina tabaccheria, hanno riempito di liquido infiammabile i due distributori automatici di dvd appiccando poi il fuoco.

Prima dell'arrivo dei vigili del fuoco, le fiamme avevano completamente distrutto gli interni delle casse che contenevano sia il denaro che il materiale da distribuire ai clienti. Il danno è in corso di quantificazione. Il locale è dotato di telecamere i cui fotogrammi sono al vaglio degli investigatori.

Il proprietario non ha mai avuto problemi con la giustizia e questa mattina sarà ascoltato dai poliziotti, non si esclude che questa azione criminale sia direttamente collegata alla sua attività lavorativa. Chi ha agito ha voluto fermarla. Il movente è ancora tutto da scoprire. Considerando che i due negozi incendiati nello spazio di meno di un mese sono attigui, l'ipotesi è quella del racket estorsivo.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina e fuoco contro la videoteca

BrindisiReport è in caricamento