menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz al mercato del pesce della Commenda, verbali e sequestri

BRINDISI - Blitz della Guardia Costiera, questa mattina, al mercato del quartiere Commenda a tutela della qualità dei prodotti ittici e della salute dei cittadini. La domenica è, peraltro, il giorno in cui tradizionalmente i brindisini acquistano i frutti di mare da consumare a pranzo. Quelli messi in vendita dagli ambulanti che utilizzano l'area del mercato di via Santa Maria Ausiliatrice non erano idonei al consumo.

BRINDISI - Blitz della Guardia Costiera, questa mattina, al mercato del quartiere Commenda a tutela della qualità dei prodotti ittici e della salute dei cittadini. La domenica è, peraltro, il giorno in cui tradizionalmente i brindisini acquistano i frutti di mare da consumare a pranzo. Quelli messi in vendita dagli ambulanti che utilizzano l'area del mercato di via Santa Maria Ausiliatrice non erano idonei al consumo perchè non conservati come prescritto dalla legge, e in alcuni casi privi delle indicazioni di provenienza. Tutto è stato rilasciato in mare su indicazione del personale veterinario della Asl, ad eccezione degli altri prodotti ittici, assegnati in beneficienza.

Sono stati eseguiti diversi controlli anche presso le pescherie, conclusi con 5 processi verbali amministrativi, "comportanti sanzioni pecuniarie per circa 6mila euro, in quanto non è stata dimostrata la provenienza del prodotto ittico esposto ovvero per etichettatura del prodotto non presente o incompleta". Le direttive comunitarie prevedono l'obbligo - ricorda la Guardia Costiera - di indicare la specie ittica, la zona di provenienza, il metodo di produzione e l'indicazione se il prodotto è fresco o decongelato.

"Situazione più grave è stata accertata - fa sapere sempre la Guardia Costiera - nei confronti dei venditori ambulanti, riguardo ai quali, oltre ad elevare processo verbale amministrativo, è stato anche sequestrato il prodotto in esposizione. Successivamente è stato richiesto l'intervento di un funzionario del servizio veterinario ASL BR1, che, visionato il prodotto ittico sequestrato, ha autorizzato la reimmissione in mare dei mitili e la donazione, successivamente eseguita a favore della Caritas diocesana di Brindisi e Ostuni, delle varie altre specie ittiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento