Cronaca

Assenteismo, due arresti della Finanza al Comune di Brindisi

Blitz della Guardia di Finanza stamani al Comune di Brindisi, per eseguire una ordinanza di custodia cautelare, sembra ai domiciliari, nei confronti di due dipendenti dell'amministrazione civica, per assenteismo

BRINDISI - Blitz della Guardia di Finanza stamani al Comune di Brindisi, per eseguire una ordinanza di custodia cautelare, sembra ai domiciliari, nei confronti di due dipendenti dell'amministrazione civica, per assenteismo. La prima delle persone colpita dalla misura cautelare si sarebbe allontanata dal posto di lavoro senza autorizzazionel la seconda le avrebbe offerto copertura. I particolari dell'indagine della polizia tributaria sono stati resi noti in una conferenza stampa tenuta dal procuratore capo Marco Dinapoli.. 

Nei mesi scorsi, come segnalato in un articolo di BrindisiReport.it,, prima un esposto e poi una segnalazione, partita dagli stessi uffici comunali, aveva condotto la Finanza ad avviare le indagini sul settore servizi sociali del Comune di Brindisi, dove i casi di presunto assenteismo sarebbero stati almeno quattro. Le persone coinvolte nell'indagine giunta oggi a conlusione sono Giuseppe Carlo Larocca che all'epoca dei fatti lavorava oltre che al Centro anziani di Bozzano anche presso una nota pizzeria del centro storico, e Luigi Antonino, che timbrava il cartellino al posto del collega. Nell'inchiesta sono coinvolti anche altri due dipendenti comunali.

Larocca che a Brindisi tutti conoscono proprio per la sua seconda attività, quella di pizzaiolo, è titolare di partita Iva, e la polizia tributaria sta accertando se vi sia compatibilità tra le due occupazioni. In ogni caso, nei confronti di altri due colleghi di Larocca e di Antonino, he rispondono di concorso in truffa aggravata ai danni del Comune di Brindisi, la procura ha chiesto al gip la sospensione dall'impiego nella pubblica aministrazione, mentre la Guardia di Finanza ha già provveduto a porre sotto sequestro per equivalente la somma di 21.464,98 euro a carico dello stesso Larocca, a copertura del danno arrecato alla pubblica amministrazione nel periodo preso in considerazione dalle indagini.

"L’esito degli accertamenti svolti (videoriprese, pedinamenti, tabulati del traffico telefonico con localizzazione della posizione ed analisi dei tracciati dei cartellini magnetici), ha consentito di rilevare che l’indagato alcune volte, lasciava il posto di lavoro subito dopo aver registrato la sua presenza mediante il badge - spiega la Guardia di Finanza di Brindisi - altre volte, con la complicità del collega presente in ufficio, registrava fraudolentemente l’inizio del servizio pur essendo assente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assenteismo, due arresti della Finanza al Comune di Brindisi

BrindisiReport è in caricamento