Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Presa la gang delle fabbriche: 18 arresti della Mobile, anche imprenditori

E' giunta al capolinea una grossa organizzazione responsabile dei furti nelle aziende della zona industriale di Brindisi e nei campi fotovoltaici della zona, che ha causato ingenti danni alle imprese finite nel mirino. Scopo principale, procurarsi metalli pregiati e costose attrezzature

BRINDISI - E' giunta al capolinea una grossa organizzazione responsabile dei furti nelle aziende della zona industriale di Brindisi e nei campi fotovoltaici della zona, che ha causato ingenti danni alle imprese finite nel mirino. Scopo principale, procurarsi metalli pregiati e costose attrezzature. Sono 18 gli arresti eseguiti dalla Squadra mobile di Brindisi che ha condotto le indagini su delega del pm Marco D'Agostino. Le ordinanze di custodia cautelare sono state firmate dal gip Stefania De Angelis. Tra gli stabilimenti presi di mira, quelli della Scandiuzzi e della Leucci Group. I dettagli dell'operazione, denominata "Industrie sicure", saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa alle 10.30 presso la procura della Repubblica.

A carico delle persone colpuite dalla misura cautelare sono ièptozzati i reati di associazione a delinquere finalizzata ai furti commessi in danno delle aziende nella zona industriale del capoluogo, nonché di ricettazione del materiale e delle attrezzature industriali asportate. Quella smantellata dalla Squadra mobile, che nella notte ha agito in forze con l'ausilio di personale di altre divisioni della questura (Sezione volanti e Digos), era una rete perfetta, che gestiva sia i furti che la collocazione del materiale rubato.

L'allarme sociale e il danno economico provocato da questa organizzazione era ormai pesante: tra le industrie colpite, a cnhe quelle di società in sofferenza a causa delle crisi economica. Alcune delle imprese stavano anche considerando la possibilità di trasferire altrove sedi e investimenti. Tra gli arrestati c'è anche personale delle stesse aziende.

Gli arrestati sono Gianluca Giosa, Orazio Lagatta, Davide Picciolo, Francesco Pugliese, Cosimo Schena, Giovanni Nigro, Andrea Baglivo, Antonio Cannone, Antonio Chiarella, Emanuel Magrì, Gianfranco Maiorano, Tiziano Martina, Diego Quarta, Arcangelo Urso, Giacomo Urso, Antonio Leo, Antonio Caforio e Raimondo Testini (gli ultimi tre già detenuti)

Nelle foto in basso, da sinistra: Davide Picciolo, Gianlica Giosa, Orazio Lagatta e Francesco Pugliese

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presa la gang delle fabbriche: 18 arresti della Mobile, anche imprenditori

BrindisiReport è in caricamento