rotate-mobile
Cronaca Oria

Bloccano il centro di Oria per rapinare una gioielleria. Colpo grosso di 5 banditi

ORIA – Un ragazzino usato come grimaldello per farsi aprire la porta, almeno cinque banditi che bloccano perfino il traffico in pieno centro per mettere a segno una rapina con un bottino che si aggira tra i 500 e gli 800 mila euro. Colpo grosso alla gioielleria “DN”, del 32enne Tommaso Di Noia, in Via Mario Pagano 10, in pieno centro a Oria. I banditi a volto coperto e armati di fucile entrano in azione intorno alle 19.30: bloccano il traffico all’altezza di Piazza Lorch e penetrano nell’attività commerciale dopo aver usato un adolescente a volto scoperto, il quale dopo aver suonato al campanello d’ingresso non destando sospetti nei titolari del negozio, apre le porte facendo entrare i suoi complici.

ORIA - Un ragazzino usato come grimaldello per farsi aprire la porta, almeno cinque banditi che bloccano perfino il traffico in pieno centro per mettere a segno una rapina con un bottino che si aggira tra i 500 e gli 800 mila euro. Colpo grosso alla gioielleria "DN", del 32enne Tommaso Di Noia, in Via Mario Pagano 10, in pieno centro a Oria. I banditi a volto coperto e armati di fucile entrano in azione intorno alle 19.30: bloccano il traffico all'altezza di Piazza Lorch e penetrano nell'attività commerciale dopo aver usato un adolescente a volto scoperto, il quale dopo aver suonato al campanello d'ingresso non destando sospetti nei titolari del negozio, apre le porte facendo entrare i suoi complici.

Momenti di terrore sia nella gioielleria, sia nelle attività commerciali vicine, dove i banditi staccano i telefoni fissi e si fanno consegnare i cellulari. All'interno dell'esercizio i rapinatori minacciano Tommaso Di Noia e la commessa, a cui viene intimato di aprire la cassaforte con al suo interno Rolex, collier, diamanti e denaro. Il trentaduenne avrebbe cercato anche di estrarre la propria pistola posizionata sotto il bancone, ma sarebbe stato immediatamente fermato da uno dei banditi che ha parlato con accento tarantino. I rapinatori fanno man bassa all'interno del caveau e ripuliscono le vetrine una delle quali viene sfondata probabilmente col calcio di un fucile.

Una volta riempite le sacche i malviventi sono fuggiti a brodo di una Bmw di colore scuro. A quell'ora c'era tanta gente in giro nel centro di Oria, ma i banditi non si sono affatto preoccupati di questo. Scene da far west anche in strada molto trafficata quando i banditi sono entrati in azione: un passante, accortosi della rapina in atto, è corso verso un'agenzia assicurativa vicina alla gioielleria, per chiedere al titolare di telefonare ai carabinieri, ma evidentemente il "palo", rimasto all'esterno del negozio di preziosi, passamontagna in testa e pistola alla mano, lo ha inseguito e bloccato prima che potesse dare l'allarme.

Il bandito, ha puntato la pistola contro il passante da cui si è fatto consegnare il cellulare poi è entrato nell'agenzia assicurativa e ha strappato i fili dei telefoni fissi. I banditi hanno calcolato tutto nei minimi dettagli e pare fossero dotati anche di ricetrasmittenti. Sul posto, i carabinieri di Oria e di Francavilla Fontana per i rilievi del caso che hanno iniziato la caccia ai responsabili del colpo. Si tratta della sesta rapina in 9 anni per il proprietario con un bottino ingente parte del quale sembrerebbe non sia assicurato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bloccano il centro di Oria per rapinare una gioielleria. Colpo grosso di 5 banditi

BrindisiReport è in caricamento