Brindisi: fermati per controlli e denunciati, erano pescatori di datteri

La loro auto è incappata in un posto di blocco dei carabinieri del Norm. Il guidatore non aveva neppure la patente

Datteri di mare sequestrati (repertorio)

BRINDISI – Non si aspettavano di finire a un posto di controllo dei carabinieri, due pescatori di frodo brindisini, che avevano nel bagagliaio quattro chili di datteri di mare appena estratti da qualche scogliera della zona, due autorespiratori ad aria, erogatori, muta e picozze. I datteri (Lithophaga lithophaga), di cui da molti anni sono vietati il prelievo, la vendita ma anche il consumo, purtroppo continuano ad avere un vasto mercato illegale anche nei ristoranti.

I due brindisini fermati, di 32 e 44 anni, avevano già suddiviso il bottino in quattro sacchetti da mezzo chilo ciascuno. Oltre alla denuncia, nei loro confronti si è proceduto col sequestro delle bombole e delle altre attrezzature, e i datteri sono stati rilasciati in mare. Ma non è tutto, i militari del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Brindisi hanno anche contestato ad uno dei soggetti la guida senza partente, che non ha mai conseguito. L’auto è stata affidata al proprietario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento