Bomba alla Morvillo, innocente in prima pagina: condannato giornalista

Si è chiusa momentaneamente con la condanna per diffamazione a mezzo stampa dell'allora direttore di Senzacolonne, una delle vicende collaterali delle indagini sull'attentato all'Istituto professionale per i servizi sociali "Morvillo-Falcone" di Brindisi

BRINDISI - Si è chiusa momentaneamente con una condanna per diffamazione a mezzo stampa una delle vicende collaterali delle indagini sull'autore dell'attentato all'Istituto professionale per i servizi sociali "Morvillo-Falcone" di Brindisi.Parte lesa, una delle persone semplicemente sottoposte a controlli ma sbattute in prima pagina con nome cognome e foto pur senza essere indagate, l'ufficiale in congedo Raffaele Niccoli. 

Niccoli sporse querela e alcuni giorni fa, il 3 marzo, il tribunale di Bari ha condannato ad una sanzione pecuniaria di 900 euro, al risarcimento dei danni in separata sede e al pagamento delle spese legali l'allora direttore del quotidiano Senzacolonne, Gianmarco Di Napoli. Del caso Niccoli aveva anche investito l'Ordine dei Giornalisti. Il giornale aveva pubblicato il giorno successivo al controllo di polizia, in prima pagina e con grande evidenza, la notizia che Niccoli era stato torchiato per 36 ore.

Il processo di primo grado si è celebrato a Bari perchè il giornale veniva stampato in una tipografia del capoluogo di regione. Raffaele Niccoli, oggi 68enne, si era costituito in giudizio con l'avvocato Paoloantonio D'Amico. Il pm di udienza aveva chiesto per Di Napoli una condanna ad un anno di reclusione. Foto e nome di Niccoli furono riprese anche da emittenti nazionali (leggi intervista a Raffaele Niccoli realizzata da BrindisiReport in quei giorni, e allegata a questo articolo).

L'attentato alla "Morvillo-Falcone", costato la vita alla giovanissima studentessa Melissa Bassi, di Mesagne, investita in pieno dallo scoppio di un ordigno confezionato con nitrato di ammonio inserito in una bombola di gpl, e innesco comandato a distanza,  e il ferimento grave di altre otto ragazze, avvenne prima delle 8 del 19 maggio 2012.

La sera del 6 giugno successivo, gli investigatori brindisini arrestarono un 68enne fornitore di gasolio per riscaldamento di Copertino, Giovanni Vantaggiato, grazie ad un lavoro accuratissimo sulle registrazioni delle videocamere di sicurezza della zona intorno alla scuola, che consentì di identificare la targa di un'auto usata dall'attentatore. Il 18 giugno del 2013 Giovanni Vantaggiato fu condannato per la prima volta all'ergastolo, pena confermata in tutti i gradi di giudizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento