Esplosione al rione Commenda: auto danneggiata da una bomba carta

E' accaduto in via Sabinia. Si tratta della Opel Karl di una donna. Il boato è stato sentito nel raggio di centinaia di metri

BRINDISI – Il boato è stato forte. Lo spavento, soprattutto per le persone che risiedono in zona, anche. Una bomba carta è esplosa intorno alle mezzanotte fra domenica 2 e lunedì 3 giugno accanto a una Opel Karl parcheggiata in via Sabina, nei pressi dell’ex mercato ortofrutticolo di via Santa Maria Ausiliatrice, al rione Commenda.

La macchina si trovava sul lato corto di una piazzata circondata da palazzine. I vetri delle finestre più vicine all’esplosione hanno tremato.  La deflagrazione è stata udita nel raggio di centinaia di metri, fino al rione Santa Chiara. Sul posto si sono recati nel giro di qualche minuto i vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le prime segnalazioni riferivano di un incendio auto, ma in realtà l’ordigno rudimentale non ha causato alcun rogo. La parte anteriore destra della macchina, investita in pieno dall'onda d'urto, è da ricostruire. Basti pensare che la carrozzeria e il cerchione della ruota sono stati divelti.  Il movente del gesto è da accertare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento